1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Botta e risposta tra Anas e Autostrade

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ultimatum ad Autostrade. A lanciarlo è l’Anas che minaccia: se non arriva subito la documentazione richiesta, la fusione con Abertis verrà bloccata. In una lettera dai toni perentori, il presidente dell’Anas, Vincenzo Pozzi, incalza il gruppo di Ponzano Veneto e attacca. All’origine dell’improvvisa mossa dell’Anas c’è la mancata risposta ai cinque quesiti chiave dell’integrazione italo-spagnola: l’assetto patrimoniale del gruppo; i profili di rischio legati agli asset apportati da Abertis; la struttura finanziaria del gruppo dopo la fusione e la connessa capacità di fare investimenti; la permanenza degli asset patrimoniali di Autostrde per l’Italia; il modello di governance. Autostrade ha replicato a stretto giro di posta informando che i documenti di pertinenza del Consiglio di Amministrazione della società relativi all’approvazione del progetto di fusione con Abertis, sollecitati dall’Anas, saranno inviati già nella giornata di domani, al termine della prevista riunione del cda. Autostrade ha precisato inoltre che “la predisposizione della complessa documentazione concernente il progetto di fusione con Abertis, richiesta dall’Anas, procede con la massima celerità, al fine di renderne compatibile la valutazione con i tempi previsti per la fusione stessa”.