1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Borse Ue tentano il recupero, in risalita anche l’euro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Azionario in convalescenza dopo il violento sell-off della vigilia. Ieri in Europa sono stati bruciati oltre 100 mld di euro di capitalizzazione in seguito all’acuirsi dei timori di forte frenata dell’economia statunitense. Seduta difficile anche per Wall Street con gli indici principali che hanno ceduto tra il 2,5 e il 3 per cento.

Il messaggio di pessimismo sulla crescita economica lanciato dalla Federal Reserve ha aggravato i timori di una crescita decisamente minore nei prossimi trimestri per gli Stati Uniti. Inoltre ieri pomeriggio l’umore dei mercati è peggiorato dopo il balzo a sorpresa del deficit della bilancia commerciale statunitense a giugno a quota 49,9 mld di dollari, sui massimi dall’ottobre 2008. Dato frutto del calo dell’export ma soprattutto del +3% delle importazioni e che ha portato gli economisti a prevedere una robusta revisione al ribasso dei dati di crescita del pil del secondo trimestre rispetto al +2,4% della prima lettura flash.

Oggi sui mercati europei c’è una prevalenza dei segni più con Piazza Affari in rialzo dello 0,50 per cento. A livello settoriale in Europa si muove bene anche oggi il comparto Food & beverage (+1,21% lo Stoxx di settore) sull’onda lunga della forte guidance diffusa ieri da Nestlè e di quelli odierni di InBev. In affanno invece l’immobiliare (-0,95%) e le banche (-0,35%).

Tra le valute, infine, risale la china l’euro, mentre lo yen ritraccia rispetto alle altre principali valute.