1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Borse Ue rimbalzano, Piazza Affari è la migliore. Attesa per discorso Yellen

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Le Borse europee sono sulla strada giusta per mettere fine a una striscia negativa che durava da ben sette sedute. I primi 40 giorni dell’anno sono stati devastanti per i listini del Vecchio Continente, con Piazza Affari che ha lasciato sul terreno da inizio anno un quarto del suo valore. Solo la Borsa di Atene ha fatto peggio mostrando un tonfo di circa 28,5 punti percentuali, con l’accelerata ribassista arrivata nelle ultime sedute in concomitanza con l’approdo in Parlamento della contestata riforma delle pensioni. Riforma che ha fatto accrescere nuovamente i timori sulla tenuta del governo guidato da Alexis Tsipras.
I primi due giorni della settimana hanno sfiorato il “panic selling” a Piazza Affari: ieri, infatti, l’indice Ftse Mib si è portato sotto la soglia dei 16.000 punti aggiornando i minimi dal luglio 2013. Oggi è giorno di rimbalzo in un mercato che resta molto fragile in attesa della riunione della Bce del prossimo 10 marzo e del discorso di Janet Yellen di questa sera al Congresso Usa. Gli investitori si aspettano lumi sulle prossime mosse della Federal Reserve visto che il mercato ha ridotto le sue aspettative sulla velocità della normalizzazione della politica monetaria Usa.
Nell’attesa a Piazza Affari l’indice Ftse Mib oggi mostra un progresso di circa 4,5 punti percentuali a 16.620 punti, trascinata dalle banche che in queste prime settimane del 2016 sono state martoriate dalle vendite. Gli acquisti si stanno riversando su tutte le principali Borse europee: a Francoforte il Dax guadagna il 2,10%, a Parigi il Cac 40 avanza del 2%, a Madrid l’Ibex 35 mostra un progresso del 3,10%, a Londra il Ftse 100 guadagna l’1,10%.
La tensione questa mattina sembra scendere anche sul mercato secondario dei titoli di Stato. Lo spread tra il Btp a dieci anni e il Bund tedesco è sceso in area 135 punti dopo essere arrivato ieri sopra quota 155 punti base. Il rendimento del Btp decennale ha ripiegato all’1,62% rispetto agli oltre 1,75% di ieri.