Borse Ue in lieve calo, a Londra si spengono i minerari

Inviato da Titta Ferraro il Lun, 10/08/2009 - 18:04
Seconda parte di seduta in crescendo per le Borse europee che hanno comunque archiviato la seduta in rosso. Il Dax ha ceduto lo 0,75% a quota 5.418 punti appesantito dal settore auto. In particolare Volkswagen (-7,52%) Volkswagen. Il titolo del colosso auto tedesco ha pagato la bocciatura arrivata oggi da Hsbc che ha tagliato il rating su Volkswagen da neutral a underweight. Significativo soprattutto il taglio della valutazione: il target price è scivolato da 205 a 95 euro poichè, una volta che Porsche cederà le proprie opzioni per acquisto ulteriori quote, l'appeal speculativo del titolo cesserà e si tornerà a guardare i fondamentali. Male anche Daimler (-3,69%) bocciata a "underweight" da "overweight" da Morgan Stanley. A Londra il Ftse 100 ha ceduto lo 0,19% a quota 4722,2 punti. Deboli i minerari con Rio Tinto in forte calo dopo che un funzionario cinese ha accusato il colosso minerario Rio Tinto di aver rubato segreti industriali cinesi per sei anni guadagnando indebitamente 700 miliardi di yuan (circa 102 miliardi di dollari).
Male anche Lloyds Banking Group. Secondo quanto riportato dal Times, il gruppo bancario starebbe pensando all'emissione di nuove azioni per un controvalore tra 10 e 15 mld di sterline finalizzato a ridurre l'esposizione verso il Governo di Londra.
COMMENTA LA NOTIZIA