Borse: Tokyo sull'ottovolante dopo il crollo di ieri, in Europa regna la cautela

Inviato da Alberto Bolis il Ven, 24/05/2013 - 09:46
Mini rimbalzo di Tokyo in una seduta a dir poco volatile. In chiusura l'indice Nikkei, che ieri era crollato con un tonfo di oltre 7 punti percentuali, ha strappato un progresso dello 0,89% a 14.612 punti. Nei primi scambi il paniere giapponese guadagnava oltre 3 punti percentuali e aveva riconquistato la soglia dei 15.000 punti. Sembrava l'inizio di un rimbalzo significativo e invece il Nikkei ha inserito una retromarcia spaventosa scendendo addirittura sotto quota 14.000 punti. Poi un recupero impressionante ha permesso all'indice nipponico di chiudere in rialzo una seduta trascorsa sull'ottovolante.

Nel corso della seduta il governatore della Bank of Japan, Haruhiko Kuroda, ha valutato come estremamente desiderabile avere mercati dei bond stabili, assicurando interventi flessibili e rafforzamento della comunicazione diretta anti-volatilità dei rendimenti. Il numero uno della BoJ ha così ribadito, all'indomani del tracollo della Borsa giapponese, l'impegno a un approccio flessibile per scongiurare la volatilità dei tassi di interesse a lungo, di recente in aumento temporaneo.

Dopo la chiusura di Tokyo l'Europa viaggia con cautela dopo la frenata di ieri. A Piazza Affari l'indice Ftse Mib mostra un rialzo dello 0,10% poco sopra 17.000 punti dopo aver perso ieri circa 3 punti percentuali in scia alle vendite che hanno colpito soprattutto i titoli del comparto bancario. In moderato progresso anche le principali piazze finanziarie del Vecchio Continente: a Londra il Ftse 100 guadagna lo 0,20% a 6.710 punti, a Francoforte il Dax avanza dello 0,30% a 8.370 punti, a Parigi il Cac 40 segna un rialzo dello 0,40% a 3.980, a Madrid l'Ibex guadagna lo 0,50% a 8.380 punti.
COMMENTA LA NOTIZIA