Borse positive sui dati cinesi. Oggi l'Eurogruppo in preparazione a vertice metà dicembre

Inviato da Valeria Panigada il Lun, 03/12/2012 - 09:36

Inizio di settimana positivo per le Borse europee, compresa Milano, che proseguono così l'intonazione rialzista della scorsa ottava. I listini del Vecchio continente hanno aperto in rialzo, confortate dai buoni dati macro arrivati questa mattina dalla Cina. L'indice Pmi (Manufacturing Purchasing Managers) calcolato da Hsbc relativo a novembre è stato leggermente rivisto al rialzo a quota 50,5 dai 50,4 punti della lettura preliminare. Il dato è migliore dei 49,5 punti di ottobre e si conferma come la prima risalita dopo 13 mesi sopra la soglia dei 50 punti che rappresentano il livello di divisione tra contrazione ed espansione.

Anche l'Europa attende i dati sull'attività manifatturiera. Oggi infatti sarà diffusa la lettura finale dell'indice Pmi manifatturiero di Italia, Francia, Germania ed Eurozona relativo al mese di novembre. Le attese sono per una conferma delle stime preliminari. Tra gli altri appuntamenti di giornata, l'Eurogruppo, a cui seguirà domani l'Ecofin.

I leader europei si riuniscono per preparare il terreno in vista del vertice di metà dicembre in cui è atteso il sì definito alla ristrutturazione del debito greco e agli aiuti ad Atene. I ministri delle Finanze della zona euro si incontreranno oggi pomeriggio a Bruxelles e saranno raggiunti domani dai loro omologhi europei che non fanno parte dell'Unione monetaria per avere una visione più chiara del piano sulla Grecia. Tra gli altri temi sul tavolo anche quello della supervisione bancaria.

Nessun impatto per il momento della decisione di Moody's di tagliare il rating ai fondi salva-stati dell'Eurozona, che hanno così perso la tripla A. Venerdì notte l'agenzia internazionale ha abbassato di un gradino il giudizio sull'European stability mechanism (Esm) e l'European financial stability facility (Efsf), portandoli ad Aa1 dal precedente Aaa. L'outlook, ossia le prospettive, in entrambi i casi resta negativo, col rischio di un nuovo declassamento in futuro. La mossa di Moody's è stata presa dopo il recente downgrade della Francia, uno dei principali contributori dei due fondi europei.

In questo scenario, a Londra l'indice Ftse segna un rialzo dello 0,37% a 5888 punti, mentre a Francoforte il Dax guadagna lo 0,52% a 7443 punti e a Parigi il Cac40 sale dello 0,50% a 3574 punti. Positiva anche Milano, dove il Ftse Mib segna un progresso dello 0,62% a 15937 punti. Unica nota negativa è Madrid, che dopo i primi scambi in positivo ha virato in ribasso e ora segna un lieve calo (-0,08% a 15937 punti).

Tra i titoli di Piazza Affari, si mette in evidenza Mediaset. Nei primi minuti di contrattazione il titolo del gruppo di Cologno Monzese si posiziona in testa al paniere principale con un balzo di oltre 4 punti percentuali. Gli analisti di JP Morgan hanno tagliato il prezzo obiettivo del Biscione a 2,2 euro dal precedente 2,5 euro, confermando però il giudizio overweight.

COMMENTA LA NOTIZIA