1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse positive: Piazza Affari la migliore in Europa dopo nascita del governo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Partenza in deciso rialzo per Piazza Affari dopo la nascita del nuovo governo a larghe intese, guidato da Enrico Letta. La Borsa di Milano si distingue segnando la migliore performance tra i listini d’Europa con il Ftse Mib che sale dell’1,46% a 16806 punti, mentre il Ftse all share avanza dell’1,34% a 17804 punti. In buon progresso anche Parigi, dove il Cac40 guadagna 1 punto percentuale, mentre Francoforte mostra un +0,54% e Londra si muove intorno alla parità con un +0,10%. Wall Street ha chiuso la seduta di venerdì contrastata, mentre questa mattina i listini asiatici si sono mossi in territorio positivo (la Borsa di Tokyo e quella di Shanghai sono rimaste chiuse per festività).

Gli investitori guardano con un sorriso al nuovo governo italiano, che si è formato dopo due mesi di stallo. Oggi pomeriggio alle ore 15.00 è atteso il discorso di Letta che indicherà il percorso del nuovo governo prima del voto di fiducia. Intanto il Tesoro italiano emetterà oggi fino a 6 miliardi di euro di Btp a 5 e 10 anni. L’agenzia di rating Moody’s venerdì ha confermato il rating e l’outlook negativo sull’Italia affermando che verificherà le capacità del nuovo esecutivo di affrontare le riforme strutturali necessarie. La sessione odierna si è aperta con un calo dello spread italiano intorno ai 280 punti base.

Questo sostiene i titoli bancari a Piazza Affari. Tutto il settore è positivo, tranne la Banca Popolare di Milano che cede circa il 3%, dopo la decisione presa dall’assemblea dei soci di respingere la proposta del voto a distanza avanzata dal presidente del cdg, Andrea Bonomi. Tra i titoli a maggiore capitalizzazione, bene anche Mediaset (+4%) che festeggia il nuovo governo. In evidenza tra le mid cap, Rcs che perde quasi il 4% all’indomani del consiglio di amministrazione che ha proposto un aumento di capitale di massimi 500 milioni di euro. La società ha convocato l’assemblea ordinaria e straordinaria per il prossimo 30 maggio.

Tra gli appuntamenti della settimana iniziata oggi, da segnalare la riunione della Banca centrale europea, in agenda giovedì 2 maggio. Gli analisti si aspettano un taglio dei tassi di interesse.