1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse positive dopo i dati sul Pil di Germania e Francia. Attenzione all’agenda macro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le Borse europee viaggiano in territorio positivo, dopo un inizio di settimana debole, sostenute dai dati preliminari sul Pil di Germania e Francia che si sono dimostrati migliori delle attese. In  particolare, la Francia ha schivato la recessione mostrando nel secondo trimestre dell’anno un Pil fermo (0% t/t, +0,3% a/a), oltre le stime degli analisti, che lo volevano invece in calo. In Germania l’economia è rallentata crescendo sull’anno dello 0,5% contro il precedente 1,7% (consensus Bloomberg +0,9%), ma il dato trimestrale si è attestato a un +0,3%, superando le aspettative che erano per un +0,2%. Bene anche l’economia olandese, che è cresciuta a sorpresa dello 0,2% dopo il +0,2% (rivisto da +0,3%) nel trimestre precedente.

In questo quadro, la Borsa di Francoforte indossa questa mattina la maglia rosa d’Europa. L’indice tedesco Dax guadagna oltre l’1%. Lo segue Parigi, dove il Cac40 sale dell0 0,78%. Bene anche Londra, con l’indice Ftse 100 in progresso dello 0,70%, e Madrid con l’Ibex che mostra un +0,80%. In linea con i listini europei, Piazza Affari mette a segno un rialzo dello 0,76%, sostenuta dal comparto bancario con Unicredit tra i migliori titoli del Ftse Mib (+1,43%). Anche se in testa al listino principale si posiziona Stmicroelectronics con un +1,84%.

L’attenzione degli investitori rimane oggi rivolta al fronte macro dove sono attese la prima lettura del Pil della zona euro e la fiducia degli investitori tedeschi con il sondaggio Zew di agosto. Nel pomeriggio dagli Usa verranno diffuse le vendite al dettaglio a luglio. Sul fronte collocamenti, si ricorda oggi l’asta di titoli a 3 mesi della Grecia per 3,12 miliardi, che metterà a dura prova la fiducia degli investitori dopo che ieri il dato sul Pil greco, sebbene migliore delle attese, ha confermato la profonda recessione che il Paese si trova a fronteggiare (-6,2% a/a, nono trimestre consecutivo di contrazione). Ad allentare le tensioni è giunta questa mattina la smentita dell’ipotesi di rinvio del giudizio della Corte costituzionale tedesca sul meccanismo Esm, previsto per il 12 settembre.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Mercati europei contrastati. Tonfo per la belga UCB

Avvio di settimana contrastato per le borse europee: a Londra il Ftse100 ha terminato a 7.496,34 punti, +0,34%, il Dax si è fermato a 12.619,46, -0,15%, e il Cac40 a 5.322,88, -0,03%.

Acquisti sull’euro, che ha aggiornato i massimi da novembre a …

Avvio in rialzo per Wall Street

Partenza positiva per Wall Street. Nei primissimi scambi della prima seduta della settimana nella quale è in programma l’audizione al Senato dell’ex direttore dell’FBI licenziato da Donald Trump, James Comey, i principali indici aizonari statunitensi…

MERCATI

Mercati europei contrastati. Rally per Clariant, Aegon e Lafargeholcim

Borse europee contrastate nel giorno in cui l’Eurogruppo che dovrebbe ratificare l’accordo sulla nuova tranche di aiuti alla Grecia. A Londra il Ftse100 sale di mezzo punto percentuale, il Cac40 quota in sostanziale parità mentre Dax e Ibex segnano u…