1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Borse: Noto, scenario macro immutato ma è cresciuta la convenienza dell’equity

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La reazione degli indici azionari mondiali non nasce da cambiamenti nel quadro macroeconomico, semmai dalla percezione di una maggiore convenienza relativa dell’equity nei confronti dei bond. Ne è convinto Luca Noto, gestore obbligazionario di Mps Sgr, per il quale i valori raggiunti negli scorsi giorni hanno reso l’azionario maggiormente appetibile rispetto ai bond per tutti i possessori di liquidità. I valori dell’equity poi, in particolare di quello statunitense, non sarebbero coerenti con l’andamento dei tassi. A questo proposito Noto chiarisce: “I tassi sono coerenti con uno S&P 500 sopra quota 1300 (ora a 1243 ndr), a questo punto io sarei compratore su ogni prossima flessione, a meno che non si veda ad esempio un panico sui corporate bond emergenti o un Ism sotto i 50 punti”. Un’ipotesi peraltro non accreditata da Noto, che proprio in merito alla frenata della produzione industriale Us in maggio parla di “piccola presa di respiro”.