Borse nervose in vista della pausa pasquale, apertura in rosso

Inviato da Redazione il Gio, 20/03/2008 - 09:31

Apertura ancora negativa per Piazza Affari, che anche oggi sottoperforma le altre Borse continentali ad esclusione di Zurigo dove pesa il profit warning lanciato da Credit Suisse sul primo trimestre.

 

A Milano il Mibtel cede lo 0,88% a 23252 punti, lo S&P/Mib lo 0,95% a 30580 punti. Ancora in caduta Seat Pagine Gialle, - 3,27% dopo il -20% di ieri, Impregilo e A2A (ribassi sopra il 2%), mentre spicca il rimbalzo di StMicroelectronics (+2,2%) e sopratutto quello di Alitalia, sospesa per eccesso di rialzo).

 

In Europa lo Smi di Zurigo cede poco più dell'1%, il Cac40 arretra dello 0,36% e il Ftse100 dello 0,67%, mentre è poco variato il Dax, in calo dello 0,16%. Nonostante i guai annunciati da Credit Suisse, i bancari tuttavia non sono i peggiori titoli in Europa, superati in negativo dal settore delle risorse di base. Allo stesso modo di quanto visto sui mercati asiatici prevale la debolezza, determinata dalla flessione generalizzata dei prezzi delle commodity. In forte calo in particolare oro, petrolio e rame, per i quali i timori di recessione cominciano a far prospettare una riduzione della domanda. L'oro in particolare è sceso fino a quotare nel momento in cui si scrive a 934 dollari per oncia, dopo che solo settimana scorsa aveva sfondato quota mille. Sui mercati però regna anche un nervosismo di fondo in vista del ponte lungo per le festività pasquali.

 

Ieri Wall Street ha chiuso in forte calo, bruciando più di metà del progresso messo a segno nella seduta precedente. Il Dow Jones ha perso il 2,36% tornando poco sotto i 12100 punti, lo S&P500 ha ceduto il 2,43% riportandosi appena sotto i 1300 punti, mentre il Nasdaq è arretrato del 2,57% a 2209 punti.   

 

(notizia in aggiornamento)

COMMENTA LA NOTIZIA