1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Borse: Milano vanifica un altro rimbalzo in scia a Wall Street

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Svaniscono in scia a Wall Street i buoni rialzi della prima metà di seduta della Borsa italiana. Dopo essere arrivato a superare questa mattina i 23000 punti l’indice S&P/Mib ha chiuso a 21871 punti, in calo dell’1,81%. Ritorno sotto la parità anche per il Mibtel, che ha ceduto l’1,63% a 16519 punti.


In negativo anche le maggiori Borse europee, dove la perdita più cospicua è stata appannaggio di Zurigo, dove si è fatta sentire la forte presenza di titoli finanziari. Anche negli Stati Uniti, a pagare lo scotto più pesante proprio negli ultimi minuti di apertura delle Borse europee sono stati i titoli su cui da oggi è possibile operare allo scoperto, vale a dire poco meno di un migliaio di finanziari e General Motors. Due casi su tutti, quelli della casa automobilistica di Detroit e quelli di Morgan Stanley, entrambi giunti a perdere circa il 20%. Peggio hanno fatto i titoli della compagnia di assicurazioni Prudential che hanno toccato un -30%. I solidi risultati trimestrali e la conferma dell’outlook da parte di Ibm sono invece serviti ad arginare le perdite del Nasdaq.

In Italia invece le peggiori performance sono arrivate dal mondo delle utility da Terna, da Snam Rete Gas e da Enel (-8,3% in chiusura), arrivata ad essere sospesa per eccesso di ribasso, così come Intesa Sanpaolo (-7,6%). Finale di altro segno invece per l’altra big bancaria di Piazza Affari, Unicredit, che dopo un rally sul finale di seduta ha chiuso con un +9,20% a 2,67 euro.