1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse incerte in attesa dell’Eurogruppo. In Grecia, Samaras ottiene fiducia del parlamento

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le Borse del Vecchio continente si muovono incerte intorno alla parità, in attesa dell’Eurogruppo di questo pomeriggio. A Londra l’indice Ftse 100 rimane piatto con un -0,02%, insieme al Dax di Francoforte, in rialzo dello 0,06%. Positivi il Cac40 di Parigi, che mostra un +0,22%, e l’Ibex35 di Madrid, in rialzo dello 0,40%. Sull’altalena Piazza Affari, che dopo una partenza in lieve calo, ha conquistato un frazionale rialzo, per poi scivolare di nuovo in terreno negativo e ora indossare la maglia rosa d’Europa. In questo momento l’indice Ftse Mib guadagna lo 0,54% a 13806 punti.

Tra i singoli titoli a Milano, bene i bancari con Banca Popolare dell’Emilia Romagna in testa al listino delle bluchip con un progresso di oltre 3 punti percentuali. In deciso rialzo anche Ansaldo Sts con un +2,21%. Dall’altra parte invece, Fiat Industrial, peggior titolo del Ftse Mib, con un -2%, dopo che Ubs ha tagliato il target price a 10,1 euro dal precedente 11 euro.

Questo pomeriggio i ministri delle Finanze dei Paesi dell’Eurozona si riuniranno a Bruxelles, per discutere delle misure anti-crisi annunciate nel summit del 28-29 giugno. Ma non solo. Sul tavolo dell’Eurogruppo, sono tanti i temi che verranno affrontati, tra cui gli aiuti a Cipro e alle banche spagnole, ma anche la situazione in Grecia.

E proprio a poche ore dall’incontro, è giunta da Atene la notizia che il governo di Antonis Samaras ha ottenuto la fiducia del Parlamento greco. La coalizione pro-euro guidata da Samaras, leader del partito Nea Democrazia a cui si uniscono il socialista Pasok e la sinistra moderata Dimar, ha ricevuto il voto favorevole di 179 deputati (tutti quelli della maggioranza) su 300.

Il sì è arrivato nella notte, dopo un lungo dibattito, iniziato venerdì scorso sulla politica di rigore da adottare per convincere i ministri delle Finanze della zona euro che la Grecia è ripartita nella giusta direzione, ossia con la volontà di seguire il piano di austerity previsto dal piano di salvataggio della troika Ue-Bce-Fmi.

Segnali di maggiore unità sono giunti ieri anche da Francia e Germania, dopo mesi di contrasti e dissapori. Il presidente francese, Francois Hollande, e il cancelliere tedesco, Angela Merkel, durante la cerimonia a Reims per celebrare i 50 anni della riconciliazione, hanno ribadito l’importanza dell’amicizia franco-tedesca per risolvere la crisi e per l’equilibrio dell’intera Eurozona.