1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse europee sotto la parità, governo stima un rallentamento dell’economia del Regno Unito

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Prevale il segno meno sui listini europei, penalizzati dalla debolezza dei titoli bancari e assicurativi. In chiusura di seduta, parità per il Ftse100 (-0,03%) a 6.817,71 punti, -0,48% del Dax a 10.662,44, -0,42% del Cac40 a 4.529,21 e -0,28% dell’Ibex a 8.627,50.

“A causa delle incertezze economiche e del taglio delle stime non abbiamo più questo obiettivo”, ha detto il cancelliere dello Scacchiere, Philip Hammond, parlando della volontà di abbandonare il progetto di riportare in surplus il bilancio pubblico del Regno Unito entro il 2019-2020. La crescita d’Oltremanica, ha detto Hammond nel corso della presentazione del bilancio, è stimata al 2,2% nel 2016 e all’1,4% nel 2017.

Indicazioni migliori delle stime quelle arrivate dagli indici PMI di Eurolandia: il dato relativo il manifatturiero è salito ai massimi da 34 mesi a 53,7 punti mentre il dato sul terziario si è spinto al livello maggiore degli ultimi 11 mesi a 54,1 punti.

Alla vigilia del giorno del Ringraziamento, particolarmente ricca di dati l’agenda macro a stele e strisce. Nel pomeriggio sono arrivati gli aggiornamenti relativi nuove richieste di sussidio (251 mila), ordini di beni durevoli (+4,8% mensile), prezzi delle abitazioni (+0,6% m/m), PMI manifatturiero (53,9 punti), vendite di nuove abitazioni (563 mila) e fiducia dei consumatori misurata dall’Università del Michigan (93,8 punti).

Inoltre, in serata, riflettori puntati su Washington dove saranno diffuse le minute dell’ultima riunione della Federal Reserve.