1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse europee sotto la parità, due velocità per Gdf Suez e Alstom

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Listini europei chiudono la seduta con il segno meno penalizzati dalle notizie in arrivo dall’Iraq e dagli aggiornamenti macroeconomici statunitensi. Particolarmente pesante la revisione del Pil a stelle e strisce, sceso nei primi tre mesi del 2,9% trimestrale annualizzato, e sotto le stime anche il dato relativo l’andamento degli ordini di beni durevoli, in rosso di un punto percentuale mensile a maggio. A parziale consolazione l’indice flash sul sentiment dei direttori degli acquisti (Pmi) del terziario, salito a giugno da 58,1 a 61,2 punti.

A Londra il Ftse100 ha terminato con un rosso dello 0,79% a 6.733,62 punti e -0,71% per il Dax che si è fermato a 9.867,75. Calo superiore al punto percentuale per Ibex (-1,25%) e Cac40 (-1,28%) scesi rispettivamente a 10.966,7 e a 4.460,6 punti.

Sul listino francese spicca il -2,33% di Gdf Suez dopo la notizia della vendita da parte dello stato del 3,1% del capitale per finanziare il suo ingresso in Alstom (+0,71%). La vendita, gestita dall’Agenzia delle partecipazioni dello Stato (l’Agence des participations de l’Etat, APE), riguarda 75 milioni di azioni Gdf Suez (con l’opzione di salire fino a 86 milioni di azioni, ossia il 3,6% del capitale) e porterà nelle casse statali 1,56 miliardi di euro.