1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse europee si portano in parità, a Milano bancari protagonisti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Andamento contrastato per l’azionario di Eurolandia che prova a recuperare terreno dopo il nuovo selloff dei listini asiatici (-6,42% per Shanghai, -2,35% per Tokyo). A determinare l’andamento dei listini è il greggio che, smaltite le vendite iniziali, al momento vede il future con consegna marzo sul Brent salire dell’1,21% a 30,87 dollari il barile.

La risalita è riconducibile alle parole pronunciate da Nawal al-Fuzaia, rappresentate per il Kuwait presso l’Opec. Secondo al-Fuzaia, l’Opec è pronta a “cooperare” per stabilizzare i prezzi. Il Cartello “vuole cooperare con i produttori al di fuori del gruppo” anche se questi “dicono di voler collaborare e poi non lo fanno”. Indicazioni sostanzialmente positive per i prezzi arrivano anche dai dati sulle importazioni cinesi, salite dell’8,8% nel 2015 a 335,5 milioni di tonnellate. Il dato relativo dicembre, hanno fatto sapere le autorità doganali, ha evidenziato un +9,3%.

A Londra il Ftse100 segna un calo dello 0,28%, il Dax quota piatto, il Cac40 sale dello 0,09% e l’Ibex avanza dello 0,4%. A Francoforte spicca il +7,71% di Siemens dopo la pubblicazione dei risultati trimestrali. Il primo quarto dell’anno fiscale 2016 (da ottobre a dicembre 2015) ha segnato una crescita degli utili del 42% a 1,557 miliardi di euro da 1,095 dello stesso periodo dell’esercizio precedente. I ricavi si sono attestati a 18,891 miliardi di euro da 17,415 (+8%).

A Piazza Affari il Ftse Mib segna un +0,68% e si porta a 18.769 punti grazie a un comparto bancario in cui l’unica nota stonata è rappresentata da Mps (-4,55%). Andamento speculare per Ubi (+5,92%), Banco Popolare (+4,84%), UniCredit (+2,19%) e Intesa (+1,29%). Denaro anche su Fiat Chrysler Automobiles (+3,86%) alla vigilia dei risultati 2015. Contrastati i titoli del calcio dopo la notizia dell’indagine su 64 tra presidenti, calciatori e procuratori di squadre di calcio di serie A e B (-0,75% per il titolo Juventus, +1,14% per la SS Lazio e +0,44% per l’AS Roma).

Commenti dei Lettori
News Correlate
SEGNO MENO PER I LISTINI

Borse europee deboli in avvio

La settimana comincia in leggero calo per le principali Borse europee, dopo la debole chiusura di Wall Street e della Borsa di Tokyo (indice Nikkei a -0,33%). I primi minuti …

CHIUSURA TOKYO

Borsa Tokyo in calo: Nikkei chiude a -0,33%

La Borsa di Tokyo chiude la prima seduta della settimana in calo, sotto il peso del comparto tecnologico. L’indice Nikkei ha fermato le lancette a quota 22.088,04 punti, mostrando una …

CHIUSURA TOKYO

Borsa Tokyo sotto la parità in chiusura

La Borsa di Tokyo chiude l’ultima seduta della settimana sotto la parità, dopo la chiusura in calo di Wall Street. La seduta è stata archiviata con l’indice Nikkei che è …