1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse europee ritracciano nel gran giorno della BCE

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il rafforzamento dell’euro spinge al ribasso le borse europee. Se da un lato la Banca Centrale Europea ha confermato tassi e QE rimarcando di attendersi che il costo del denaro “si mantenga su livelli pari a quelli attuali per un prolungato periodo di tempo e ben oltre l’orizzonte degli acquisti netti di attività”, dall’altro il chairman Draghi ha nuovamente stupito annunciando che in autunno saranno discussi i prossimi passi relativi la riduzione degli stimoli monetari.

Il Consiglio Direttivo “è stato unanime nel fissare una data precisa su quando discutere i cambiamenti futuri”. In questo contesto il cross eurodollaro si è spinto fino a 1,1651, il livello maggiore da quasi due anni (24 agosto 2015).

Movimento inverso quello dei listini azionari che dopo una prima parte in positivo hanno terminato di poco sotto la parità. A Francoforte il Dax ha chiuso a 12.447,25 punti (-0,04%), il parigino Ca40 a 5.199,22 (-0,32%) e l’Ibex a 10.564,80 (-0,22%). L’unico segno più, non a caso, è stato registrato a Londra dove il FTSE100 si è fermato a 7.487,87 punti, +0,77%.

A livello di singole performance, il titolo del gruppo svizzero ABB ha perso il 2,76% dopo utili in aumento meno delle previsioni mentre Unilever ha terminato in parità (+0,04%) nonostante vendite di poco sotto le stime.

In agenda macro, la bilancia delle partite correnti di Eurolandia, che ha registrato un avanzo di 30,1 miliardi (consenso 23,3 miliardi) e le vendite al dettaglio britanniche, salite dello 0,6% mensile (0,4%). Nella seconda parte è stata la volta dei dati statunitensi su nuove richieste di sussidio di disoccupazione (233 mila), manifatturiero di Philadelphia (19,5 punti), fiducia dei consumatori (-2) e superindice (+0,6% m/m).