1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse europee prudenti, a Milano bancari sotto attacco

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Orfane del faro di Wall Street e appesantite dal calo del greggio, le borse europee iniziano l’ottava all’insegna della cautela. Poco dopo il giro di boa il Ftse100 e il Cac40 quotano in sostanziale parità mentre Dax e Ibex segnano un rosso dello 0,27 e dello 0,32 per cento. Dopo il pieno ritorno dell’Iran sul mercato e la conseguente discesa del Brent sotto la soglia dei 28 dollari, Mohammad bin Hamad al-Rumhy, Ministro del petrolio dell’Oman, è stato chiaro: serve un taglio della produzione concertato. “Il nostro Paese è pronto a tutto per stabilizzare il mercato” e una riduzione dell’output del “5-10% è quello di cui ritengo avremmo bisogno”.

Sul listino tedesco +5,94% per Adidas dopo la nomina del danese Kasper Rorsted alla carica di Ceo del gruppo con effetto dal primo ottobre 2016. Andamento opposto per Henkel (-4,7%) a seguito delle dimissioni anticipate dell’Amministratore delegato Kasper Rorsted. A Parigi Kering segna un +0,39% mentre Lvmh arretra dello 0,11% dopo le promozioni a “neutral” e “buy” annunciate da Goldman Sachs.

A Piazza Affari il Ftse Mib paga dazio (-1,85% a 18.841 punti) alle vendite che stanno colpendo il comparto bancario. Causa l’indiscrezione relativa il lancio di una nuova inchiesta della Bce sullo stato dei crediti non esigibili, numerosi stop per eccesso di ribasso nel corso della mattina hanno colpito il comparto a Piazza Affari. Al momento il Banco Popolare perde il 5,91%, BPER segna un -7,11%, la Popolare di Milano arretra del 4,45% e Ubi Banca scende del 6,6%. Non sfuggono alle vendite Intesa Sanpaolo (-3,42%) e UniCredit (-3,73%). Contrattazioni congelate per Mps (-14,97%) dopo le indiscrezioni sulla difficoltà dell’istituto senese di trovare un partner.

Nel comparto industriale -1,9% per Finmeccanica che ha vinto la gara per la fornitura dei nuovi radar agli aeroporti del Canada e -4% di Salini Impregilo che ha firmato il contratto per la cessione di Todini Costruzioni Generali alla kazaka Prime System Kz per un corrispettivo di 50 milioni di euro.

Acquisti invece su Moncler (+1,12%) dopo le parole dell’amministratore delegato, Remo Ruffini, circa i riscontri del 2015 e le prospettive per il nuovo anno. A margine di una sfilata, il numero uno di Moncler ha spiegato che il 2015 è stato soddisfacente nonostante il clima mite di inizio inverno. Per il 2016 Ruffini si è detto ottimista con vendite in Cina che continuano ad andare bene nonostante i rinnovati timori sulla situazione del paese asiatico. Intanto oggi gli analisti di Goldman Sachs hanno confermato la valutazione “buy” con target price solo leggermente limato a 18,9 euro dai 19,1 indicati in precedenza.

Dopo l’1-1 con il Verona ultimo in classifica, -7,07% per l’AS Roma. Domenica prossima i giallorossi andranno a Torino contro una Juventus (+-1,99%) che ieri ha ottenuto la decima vittoria consecutiva.