1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse europee: previsto avvio fiacco, Piazza Affari più pesante. Attenzione a Mps, Mediaset e Fca

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Si prevede un avvio di seduta fiacco per le principali Borse europee, in scia alla chiusura negativa di Wall Street e della maggior parte dei listini asiatici dopo che la Federal Reserve ieri sera ha alzato di 25 punti i tassi di interesse, come da attese, ma ha sorpreso il mercato prevedendo un piano di rialzo dei tassi più aggressivo nel 2017 (tre rialzi contro i due òprevisti a fine settembre). Piazza Affari potrebbe essere tra le più deboli d’Europa. Sul listino milanese i riflettori restano puntati sulle banche, in particolare su Mps che attende la decisione della Consob sulla conversione dei bond in mano al pubblico retail. L’attenzione rimane alta anche su Mediaset, dopo che Vivendi hanno raggiunto il 20% del capitale sociale in tre giorni. Sull’operazione dei francesi, il procuratore di Milano ha aperto un fascicolo di indagine con l’ipotesi di reato di manipolazione del mercato. Da monitorare anche Fiat Chrysler Autromobiles (Fca) con i dati sulle immatricolazioni in Europa di novembre. Intanto sul fronte politico, il neo Capo del Governo, Paolo Gentiloni, debutterà oggi al Consiglio europeo a Bruxelles dopo che ieri sera ha ricevuto il voto di fiducia anche da parte del Senato.
Dal fronte macro, le banche centrali rappresenteranno anche oggi il market mover della giornata. Dopo l’avvio delle contrattazioni in Europa riflettori puntati sulla Swiss National Bank (tasso benchmark atteso stabile al -0,75%), mentre in corrispondenza del giro di boa sarà la volta della Bank of England: gli analisti stimano un conferma del costo del denaro al minimo storico dello 0,25%. Banche centrali a parte, l’agenda macro di oggi prevede alle 10 i dati preliminari sul sentiment dei direttori degli acquisti di Eurolandia (Pmi manifatturiero e dei servizi) mentre mezz’ora dopo attenzione alle vendite al dettaglio britanniche. Nella seconda parte della giornata sarà la volta dei dati statunitensi su inflazione e nuove richieste di sussidio.