1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse europee: previsto avvio fiacco dopo i guadagni di ieri

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le principali Borse europee, compresa Piazza Affari, dovrebbero aprire in leggero calo o sulla parità, prendendo una pausa dopo i rialzi di inizio settimana. Ieri Wall Street ha chiuso in territorio positivo, con l’indice S&P500 che ha terminato su un nuovo massimo storico a 2.137,16 punti (+0,34%), mentre questa mattina la maggior parte dei listini asiatici si muove sopra la parità guidati anche oggi dalla Borsa di Tokyo, che ha chiuso con un +2,5% sulle attese di un nuovo pacchetto di stimoli all’economia.
Oggi, dopo la bocciatura della Commissione europea, arriverà sul tavolo dell’Ecofin la procedura aperta contro Portogallo e Spagna per la violazione del patto di stabilità. I ministri dell’economia e delle finanze degli Stati membri dovranno quindi decidere se applicare le sanzioni e, nel caso, stabilirne l’entità. Intanto in Gran Bretagna si riduce l’incertezza politica, dopo che il primo ministro uscente, David Cameron, ha annunciato ieri che intende formalizzare le proprie dimissioni domani e lo stesso giorno potrà quindi esserci l’insediamento del nuovo premier Theresa May. E sempre in Gran Bretagna verranno diffuse le minute dell’ultima riunione della Bank of England. In programma anche le testimonianze davanti alla Commissione Tesoro del parlamento dei membri della BoE.
A Piazza Affari, le banche rimangono al centro dell’attenzione, con una crescente attesa per una soluzione del problema dei crediti deteriorati. Nel suo rapporto annuale sull’Italia, il Fondo monetario internazionale ha avvertito che un ritardo nell’affrontare il problema della qualità degli asset in pancia alle banche graverebbe sulle prospettive dell’economia, non solo italiana, ma anche regionale e mondiale. L’Fmi ha inoltre tagliato le stime di crescita dell’Italia per l’anno in corso e per il 2017. Tra i singoli istituti, attenzione a Unicredit che ieri ha approvato la nuova linea strategica targata Mustier. Da monitorare anche Rcs, il cui Cda si è espresso a favore dell’Opa della cordata di Andrea Bonomi.