1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse europee positive, due velocità per i PMI di Europa e Stati Uniti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giornata con il segno più per l’azionario di Eurolandia in scia delle indicazioni positive arrivate dai dati macro e dai conti societari. A febbraio gli indici PMI del vecchio continente sono cresciuti più delle attese attestandosi a 55,5 punti per quanto riguarda il manifatturiero e a 55,6 punti nel caso del terziario.

Indicazioni invece sotto le stime dai corrispondenti dati statunitensi, scesi rispettivamente a 54,3 e 53,9 punti.

A Francoforte il Dax ha terminato a 11.967,49 punti, l’1,18 per cento in più rispetto al dato precedente, il Cac40 si è fermato a 4.888,76, +0,49 per cento, e l’Ibex ha chiuso a 9.561, +0,36 per cento. L’unico segno meno è stato registrato a Londra, dove il FTSE100 è sceso dello 0,34% a 7.274,83 punti.

Sul listino della City, profondo rosso per HSBC (-5,45%) in scia del calo del 62% messo a segno dall’utile lordo. Sopra la parità invece BHP Billiton (+0,80%) che ha chiuso i primi sei mesi con un utile di 3,24 miliardi di dollari e annunciato un dividendo sopra le stime.

Segno meno per Telefonica (-0,19%) che ha venduto il 40% di Telxius a KKR per 1,28 miliardi di euro.
Il valore della divisione è quantificato a 3,2 miliardi di euro, nella parte bassa del range 3-3,7 miliardi precedentemente indicato dalla società.