1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse europee piatte, vendite sul comparto aereo dopo il warning di Lufthansa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nessuna novità dal primo meeting post-Brexit della Banca centrale europea. L’istituto guidato da Mario Draghi ha confermato i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al -0,40%.

“La Brexit -ha rimarcato il chairman- sarà un fattore di rallentamento della ripresa” e l’inflazione è vista ancora “a livelli molto bassi per un prolungato periodo di tempo”. Per quanto riguarda il comparto bancario italiano, Draghi ha dichiarato che “la situazione dei crediti deteriorati in Italia è un problema grande, che necessita di tempo per la soluzione” ma in qualunque caso “le regole sul bail-in prevedono tutta la flessibilità necessaria, senza incappare nei divieti degli aiuti di Stato”.

In questo contesto il Ftse100 ha terminato la seduta in calo dello 0,43% a 6.699,89 punti mentre il Cac40 è sceso dello 0,08% a 4.376,25. Di poco sopra la parità il Dax (+0,14% a 10.156,21) e l’Ibex (+0,09% a 8.583,6).

Vendite sul comparto aereo dopo che Lufthansa (-5,95%) ha ridotto la view sugli utili. Trascinati al ribasso anche i titoli easyJet (-5,41%), Air France-KLM (-4,11%) e Ryanair (-5,12%).

Outlook invece confermato per Roche (-1,19%) mentre i conti di Danske Bank (-0,22%) hanno battuto le stime. +1,79% infine per Arcelormittal dopo che JPMorgan, Berenberg e Deutsche Bank (+2,05%) hanno incrementato il prezzo obiettivo sul titolo.