1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse europee in rosso, minerari sostengono il Ftse100

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Indicazioni contrastanti dal mercato del lavoro statunitense e tensioni sull’asse Mosca-Kiev appesantiscono i listini europei nell’ultima seduta dell’ottava. Ad ottobre il tasso di disoccupazione a stelle e strisce si è confermato sui minimi dal luglio del 2008 passando dal 5,9 al 5,8% mentre il saldo delle buste paga statunitensi nei settori non agricoli (non-farm payrolls) ha evidenziato un incremento di 214 mila unità, circa 20 mila in meno rispetto alle stime. Peggio del previsto anche un altro indicatore chiave, quello relativo i salari orari, cresciuti nel mese di appena 0,1% (consenso +0,2%).

Maglia nera per l’Ibex, in calo dell’1,32% a 10.126,3 punti, e rosso dello 0,91 e dello 0,89 per cento per Dax e Cac40 che si sono rispettivamente fermati a 9.291,83 e 4.189,89 punti. Sopra la parità il listino della City, il il Ftse100, salito dello 0,25% a 6.567,24 punti grazie alle performance positive dei titoli legati alle materie prime (+4,93% per Fresnillo, +2,41% di Rio Tinto, +2,67% per Anglo American e +2,95% di BHP Billiton).