1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse europee in ordine sparso, tonfo del Credit Agricole

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Seduta interlocutoria per l’azionario del vecchio continente in attesa delle indicazioni relative l’andamento del mercato del lavoro statunitense in calendario domani. Segno più per Dax e Cac40, saliti rispettivamente dello 0,39 e dello 0,64% a 10.887,74 e 4.980,04 punti, mentre Ibex e Ftse100 sono scesi dello 0,4 e dello 0,75 per cento a 10.431,2 e 6.364,9 punti. A livello di singole performance spicca il -10,51% di Adecco e il -8,28% del Credit Agricole nel giorno dei conti trimestrali.

Indicazioni da “colomba” dalle banche centrali. La Bce ha confermato la disponibilità a nuove misure di stimolo mentre la Bank of England ha ribadito il costo del denaro allo 0,5% dando l’impressione, causa le pressioni deflazionistiche, di non avere fretta di varare la prima stretta. La Commissione Ue ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’Eurozona per il 2015, ma ha abbassato quelle per il 2016.

Secondo le nuove proiezioni economiche d’autunno pubblicate oggi dall’esecutivo comunitario, l’economia della zona euro dovrebbe mostrare quest’anno una espansione dell’1,6%, anziché di un +1,5% come previsto a maggio. Rivista leggermente al ribasso invece la stima del Pil nel 2016 che aumenterà dell’1,8% e non più dell’1,9%. Dagli Stati Uniti sono arrivati i numeri relativi nuove richieste di sussidio di disoccupazione, salite nella settimana al 31 ottobre di 16 a 276 mila unità, e il costo del lavoro, cresciuto nel terzo trimestre dell’1,4%.