1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse europee in ordine sparso, a Milano spicca il +2,7% di Buzzi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

In mancanza di catalizzatori forti, seduta altalenante per l’azionario europeo in scia delle ridotte contrattazioni in vista dell’avvicinarsi delle festività e della debolezza del greggio, sceso ieri in quota 36 dollari il barile, il livello minore dal luglio del 2004. Segno meno per Dax e Cac40, in rosso rispettivamente dello 0,4 e dello 0,35 per cento, mentre Londra segna un +0,44% e Madrid prova a recuperare parte delle vendite innescate ieri dai risultati delle elezioni mettendo a segno un +0,28%. Di poco sotto la parità Milano, in calo dello 0,16% a 21.066,34 punti.

A Piazza Affari spicca il +2,73% di Buzzi Unicem all’indomani del via libera da parte dell’Antitrust all’acquisto di Sacci. Questa mattina gli analisti di Banca Akros hanno alzato il giudizio sulla società del cemento ad “accumulate” poiché “il consolidamento è un fattore chiave per il mercato italiano del cemento”. Banca Akros ha inoltre alzato il target price del titolo BZU a 18,50 euro dal precedente 17,50 euro.

Tra i bancari +0,32% per il Banco Popolare che ha ceduto il 19,90% del capitale di Arca Sgr a fronte di un corrispettivo complessivo pari a 95,50 milioni di euro. Sopra la parità anche Mps (+0,25%), Intesa Sanpaolo (+0,26%) e UniCredit (+0,29%).

Tra gli altri titoli in evidenza, +0,1% di Ansaldo STS che si è aggiudicata un contratto da 338 milioni di dollari con la Massachusetts Bay Transportation Authority e -0,8% di Enel Green Power che ha annunciato la creazione di una joint venture paritetica con F2i (Fondo italiano per le infrastrutture). L’entreprise value degli asset di EGP è pari a circa 234 milioni di euro e quello degli asset di F2i a circa 282 milioni di euro.