1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Borse europee in cauto rialzo dopo rally della vigilia

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Cauto rialzo a quasi un’ora dal suono della campanella per le Borse del Vecchio Continente. Nonostante la vivace performance di Tokyo che ha chiuso in corsa a +1,9%, gli indici delle principali piazze europee si mostrano timidi questa mattina con Milano che si limita a spuntare un +0,36% a 21.223 punti. Si prospetta una seduta di pausa dopo il rally della vigilia -segnalano nelle sale operative – con gli investitori che si stanno defilando dal dollaro per rivolgersi ad asset più sicuri come l’oro che stamattina sui mercati asiatici ha firmato un nuovo record a 1.379,30 dollari.


L’eco delle indicazioni arrivate dalla Fed ieri ha sostenuto i mercati. Anche Wall Street ne ha beneficiato: il Dow Jones ha tagliato il traguardo in progresso dello 0,69% a 11.096,69 punti, il Nasdaq è cresciuto dello 0,96% a 2.441,23 punti mentre lo S&P 500 ha messo a segno un progresso dello 0,71% a 1.178,13 punti. Le minute del Fomc, il braccio di politica monetaria della Banca Centrale americana, relative alla riunione dello scorso 21 settembre, hanno evidenziato che potrebbero essere necessarie a breve “ulteriori misure” a sostegno dell’economia, “qualora peggiorasse l’outlook sulla crescita” e se questa fosse troppo lenta.

La Fed ha focalizzato l’attenzione sulla possibilità di acquisto di bond di lungo termine, ritenendo
comunque “improbabile un ritorno alla recessione” e stimando, per quanto riguarda le previsioni di crescita, “un moderato rafforzamento nel 2011 e un’accelerazione nel 2012”. Sui listini si è fatto sentire anche l’effetto trimestrali, sopra le attese. Il rally dura da quattro sedute consecutive e sottolinea la prospettiva che i risultati trimestrali saranno ancora sopra le attese di Wall Street. Sebbene la stagione sia appena partita, i risultati dell’81% delle società dell’indice S&P500 hanno superato le attese, ben sopra la media a lungo del 61%, secondo i dati Thomson Reuters.


A Piazza Affari, in questo momento si stanno mettendo in luce le azioni Telecom (+1,33%) dopo l’accordo sul controllo di Telecom Argentina, bene Tenaris (+0,80%) nel giorno della presentazione agli investitori a Londra. In luce anche il risparmio gestito con Azimut (+1,27%) e Mediolanum (+0,68%). Poco mossa Unicredit (+0,16%) che non ha ancora sciolto il nodo governance. Sulla stampa si moltiplicano le ipotesi sul direttore generale: c’è chi individua nel tandem Roberto Nicastro-Sergio Ermotti l’accoppiata vincente mentre Paolo Fiorentino andrebbe a ricoprire l’incarico di chief operating officer. Altri quotidiani puntano invece ancora sulla nomina di un unico direttore generale nella persona di Nicastro. Secondo Luca Comi di Centrosim, la definizione degli assetti definitivi del top management dovrebbe arrivare a breve, forse già in un CdA convocato domani.