1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Borse europee di poco sotto la parità, due velocità per Actelion e Nokia

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sui listini europei a prevalere è la prudenza in vista dell’avvio delle festività natalizie. A Londra il Ftse100 arretra dello 0,15%, il Dax scende dello 0,04% e il Cac40 perde lo 0,14%. Sul listino elvetico spicca il +4,47% di Actelion che ieri ha annunciato di aver avviato trattative esclusive con la statunitense Johnson & Johnson. Acquisti anche sull’altra pretendente, Sanofi (+0,98%). Tonfo invece per Nokia (-5,16%) in scia dei problemi legali con Apple.

Nella prima parte del 2017 l’inflazione di Eurolandia supererà quota 1% portandosi ai massimi dal 2013. È quanto riporta il Bollettino Mensile elaborato dalla Banca Centrale Europea. La ripresa dei prezzi al consumo “è principalmente riconducibile” all’andamento delle quotazioni dei prodotti energetici. L’anno prossimo la crescita dei prezzi al consumo è vista all’1,3%, nel 2018 all’1,5% e nel 2019 all’1,7 per cento.

Nel medio termine è atteso “un rafforzamento della crescita” anche se “inferiore ai livelli pre-crisi”. Sostanzialmente confermate le stime sulla crescita della Zona Euro: quest’anno e il prossimo è attesa un +1,7% mentre nel 2018 e nel 2019 il dato è visto all’1,6%.

Dopo le indicazioni arrivate dai prezzi delle importazioni tedesche (+0,7% m/m) e dalle vendite al dettaglio in Italia (+1,2% m/m), nel corso della seconda parte arriveranno i numeri statunitensi su ordini di beni durevoli, nuove richieste di sussidio e crescita economia. Non solo. Alle 15 sarà la volta dei prezzi delle abitazioni mentre un’ora dopo spazio ai dati su redditi e spese, superindice e indice dei prezzi PCE.