1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Borse europee continuano la seduta in territorio positivo, focus sui bancari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le Borse europee hanno avviato le contrattazioni in calo, ma a fine mattinata hanno virato in territorio positivo e adesso stanno continuano a muoversi al rialzo. Gli investitori prendono tempo in vista degli annunci che farà la Federal Reserve la prossima settimana. Secondo quanto anticipato dal Wall Street Journal la Federal Reserve renderà noto un programma di acquisti di bond del valore dei poche centinaia di dollari su diversi mesi.

Ciò che il giornale chiama “misurato approccio” si paragona con uno scenario di base degli investitori di un iniziale impegno da parte della Fed ad acquistare almeno 500 miliardi di dollari di Treasuries con durata oltre 5 anni nel tentativo di spronare i prestiti e sostenere una ripresa economica che è troppo debole per domare un’alta disoccupazione. Il giornale non ha citato alcuna fonte nell’articolo apparso sul suo sito web e ha detto che, sebbene i dettagli devono ancora essere delineati esattamente, le linee generali hanno
preso forma.

I funzionari della Fed si riuniranno il 2-3 novembre ed è ampiamente atteso che venga avviato un secondo ciclo di allentamento monetario, ma c’è molta incertezza circa la portata e il ritmo di acquisti di obbligazioni. Secondo il quotidiano americano i funzionari della Fed potrebbero lasciare aperta la possibilità di ulteriori acquisti in futuro, soprattutto se l’inflazione si prevede rimanga al di sotto del 2% e le stime per la disoccupazione restano alte, oppure potrebbero interrompere il programma, se l’economia o l’inflazione dovessero sorprendere al rialzo.

Intanto oggi sono in calendario due importanti dati americani: gli ordini di beni durevoli e le vendite di nuove case. Nell’attesa a Milano stanno recuperando terreno le azioni delle banche, che invece avevano aperto le contrattazioni in calo penalizzate dalle indicazioni di Moody’s. Secondo l’agenzia di rating “le prospettive del sistema bancario italiano restano negative a causa delle modeste proiezioni a breve termine di redditività e del protrarsi del quadro operativo sfavorevole”. In barba a queste considerazioni Unicredit sale dell’1,17%, Ubi dell’1,48% e IntesaSanPaolo dell’1,16%. Bpm, inoltre, registra un progresso dello 0,37%, mentre le vendite si indirizzano sulle Mps (-0,58%) e su Banco Popolare (-1,25%), penalizzato dalla notizia del lancio di un bond.