Borse europee chiudono piatte, Vivendi e Basf deboli nel giorno dei conti

Inviato da Luca Fiore il Mar, 25/02/2014 - 17:59
Quotazione: BASF
Quotazione: VIVENDI ENVIR
La buona intonazione di Wall Street spinge anche le borse del vecchio continente che riescono a chiudere in sostanziale parità. Londra ha terminato in rosso di mezzo punto percentuale (-0,51%) a 6.830,5 punti mentre Cac40 e Dax hanno lasciato sul parterre lo 0,1% fermandosi rispettivamente a 4.414,55 e a 9.699,35 punti. +0,48% per l'indice spagnolo, l'Ibex, salito a 10.242,5.

A livello di singole performance -1,11% per la francese Vivendi nel giorno della pubblicazione dei dati 2013 mentre l'utile sopra le stime nel quarto trimestre ha permesso alla tedesca Basf di terminare di poco sotto la parità (-0,22%).

Secondo i dati diffusi oggi dalla Commissione europea nel 2014 e nel 2015 il Pil del vecchio continente metterà rispettivamente a segno un +1,2% e un +1,8%, 10 punti base in più rispetto alla view diffusa a novembre. Tasso di disoccupazione scenderà al 12% nell'anno corrente e all'11,7% nel 2015 mentre il tasso di inflazione dopo il +1% del 2014 l'anno prossimo si porterà all'1,3% (in qualunque caso abbondantemente al di sotto del target del 2% stimato dalla banca centrale).

Per quanto riguarda i dati macro arrivati nel pomeriggio dagli Usa, sostanzialmente in linea con le stime l'indice dei prezzi delle abitazioni S&P/Case-Shiller (+13,4% a dicembre) mentre indicazioni peggiori del previsto sono arrivate dalla fiducia dei consumatori misurata dal Conference board (da 79,4 a 78,1 punti) e dall'indice Richmond Fed (da +12 a -6 punti) di febbraio.
COMMENTA LA NOTIZIA
Pietro8888 scrive...
teaspoon scrive...
Seven Of Nine scrive...
theplanner scrive...