Borse asiatiche frenano nel finale: svanisce effetto Google

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le principali Borse asiatiche si avviano a terminare la seconda seduta settimanale in territorio misto rallentando proprio nel finale dopo un avvio promettente. Tokyo, quando mancano pochi minuti alla chiusura, registra un sostanziale invariato. Positive di circa mezzo punto percentuale la Piazza indiana, quella di Hong Kong, della Malesia, della Nuova Zelanda e quella tailandese. Cali sempre di circa mezzo punto si registrano a Shanghai e Taiwan. Male la Borsa di Sydney che ha archiviato la giornata in calo dello 0,9%. Si affievolisce quindi l’effetto M&A che aveva favorito il rally di lunedì da parte delle Piazze asiatiche. Nel fine settimana Google aveva lanciato un’offerta da 12,5 miliardi di dollari per acquisire Motorola Mobility entrando quindi di fatto nel mercato della telefonia mobile.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…