Borse ancora in flessione, aspettando la BoE. La ruota di Milano punta su Lottomatica -2

Inviato da Micaela Osella il Gio, 10/02/2011 - 11:09
Il messaggio inviato da Francoforte agli investitori è chiaro. Il resto lo farà la BoE. "Oggi la Banca d'Inghilterra annuncia la decisione di politica monetaria", segnalano gli esperti di Intesa Sanpaolo. "Le attese nostre e anche quelle di consenso sono per un bank rate invariato a 0,50% e nessuna modifica all'APF. Sull'incontro odierno c'è comunque più attesa del solito perché il mese scorso due membri su nove avevano votato a favore di un aumento immediato dei tassi", ricordano gli esperti della banca. Ma punto primo l'incertezza sulla portata della restrizione fiscale che verrà proposta nel budget di marzo e punto secondo l'origine esogena dell'aumento dell'inflazione sono un paio dei fattori che portano a ritenere che sia troppo presto mettere mano ai tassi adesso, è la loro idea. "Chiarificatore sulla visione della BoE sarà mercoledì prossimo, il 16 febbraio, l'inflation report". A Piazza Affari intanto gli investitori indirizzano gli ordini d'acquisto su Lottomatica, che si porta in rialzo dello 0,18% a 10,86 euro con il mercato in netto ribasso (il Ftse Mib cede oltre un punto percentuale). A incoraggiare gli acquisti sui titoli di Lottomatica è uno studio firmato dagli analisti finanziari di Citigroup, nel quale la raccomandazione è stata alzata da sell a hold e il target di prezzo da 9,7 a 11,11 euro. L'istituto, però, ammonisce che l'azienda è molto indebitata e che alla fine sia probabile che debba ricorrere a un aumento di capitale. "Pensiamo ancora che il gruppo sia troppo indebitato e che potrebbe alla fine decidere di ricorrere ad un aumento di capitale", si legge nel report uscito oggi e raccolto da questa testata. "Tagliare il dividendo a zero è meglio che lanciare costosi bond ibridi. Ma al di là di questo i problemi strutturali sono ancora lì, anche se probabilmente non influenzeranno anche l'esercizio 2011". Nel medio periodo, comunque, le azioni non sono da vendere a questi livelli di prezzo.
COMMENTA LA NOTIZIA