La Borsa Usa chiude in calo venerdì: pesa andamento settore bancario

Inviato da Redazione il Lun, 25/01/2010 - 08:01
I listini statunitensi chiudono l'ottava ai minimi di seduta nonostante le indicazioni arrivate dal fronte trimestrali, che ha registrato numeri sostanzialmente migliori delle attese. Ad affossare Wall Street i ribassi segnati da un comparto finanziario ancora penalizzato dal piano di riforma messo a punto dal presidente Obama, e dai titoli legati alle materie prime. Sfumati così i guadagni realizzati dall'inizio del 2010. Il Dow Jones in chiusura di seduta ha accusato un calo del 2,09% a 10.172,98 punti, del 2,21% lo S&P's a 1.091,76 e del 2,67% il Nasdaq, che chiude a 2.205,29. I conti migliori delle attese di American Express (-8,47%) non hanno risparmiato il titolo dal sell-off generalizzato in atto nel comparto, all'interno del quale Morgan Stanley è arretrata del 5,25%, Bank of America del 3,68% e Jp Morgan del 3,4%. Gli operatori hanno risparmiato General Electric (+0,56%) e McDonald's (+0,3%) grazie alle indicazioni relative il IV trimestre.
COMMENTA LA NOTIZIA