Borsa: prosegue il rimbalzo delle banche, giù gli energetici con Enel ed Eni

Inviato da Redazione il Mer, 11/03/2009 - 10:49
Listino a due facce oggi a Piazza Affari, alle prese da un lato con il proseguimento del rimbalzo dei titoli bancari e dall'altro con la debolezza di alcuni titoli energetici tra i più pesanti del paniere principale, quali Enel ed Eni. Il risultato in chiusura di seduta ha visto il Mibtel invariato a 11175 punti e l'S&P/Mib in rialzo dello 0,48% a 13568 dopo essere arrivato nell'intraday a superare anche i 14000 punti.
 
Tra i bancari, con un rialzo di quasi il 15% dopo diverse sospensioni al rialzo, ha guida l'ascesa il Banco Popolare, su cui oltre alle aspettative per una definizione del dossier Italease entro il week-end, si sono concentrate anche anche voci speculative (smentite), riferite in particolare a un possibile bid sul Credito Bergamasco da parte di una banca estera.  Il comparto si è mosoo però uniformemente verso l'alto. Il Sole 24 Ore di oggi scrive che dopo il Banco Popolare altri sei-sette istituti si starebbero preparando a presentare formale richiesta per l'emissione dei cosiddetti Tremonti bond. Rialzi sopra il 5% per Intesa Sanpaolo e Mediobanca, seguite da Unicredit (+4,62%).
 
Le voci speculative sono state al centro anche dei movimenti nel settore energetico. Su Eni si sono diffuse sul mercato generiche voci speculative relative a un possibile aumento di capitale. Aumento che invece sembra profilarsi sempre più come certezza per Enel. Il cda della società guidata da Fulvio Conti è chiamato oggi ad approvare una ricapitalizzazione indicata in 8 miliardi di euro che potrebbe vedere nel consorzio di collocamento e garanzia Mediobanca e Intesa Sanpaolo.
 
(notizia aggiornata alle ore 17.50)
COMMENTA LA NOTIZIA