Borsa: gli analisti vedono spazi per la prosecuzione del rally, ma senza euforia

Inviato da Marco Barlassina il Mar, 21/08/2012 - 11:39

Il rally estivo ha carburante sufficiente per durare ancora qualche settimana. E' quanto si desume dai commenti di numerosi analisti raccolti da Finanza.com all'indomani di una seduta che ha riacceso i timori per una Germania pronta a mettersi di traverso sulla strada della Banca centrale europea.

"Nonostante i distinguo della Bundesbank e la spada di Damocle rappresentata dal giudizio della Corte Costituzionale tedesca (che il 12 settembre si esprimerà sull'ammissibilità del fondo Esm, ndr), la situazione in Europa continua a incanalare flussi verso il mercato azionario con gli acquisti di titoli del reddito fisso in netta discesa", spiegano Michael Hewson e Ben Taylor di CMC Markets. Per gli stessi analisti gli indici azionari stanno progressivamente tornando verso i massimi dell'anno scontando livelli di fiducia in aumento sulla base dell'appoggio offerto la scorsa settimana dalla Cancelliera Merkel al Presidente della Bce Draghi. "E'come se ci si attendesse che in termini di notizie positive il meglio debba ancora venire", concludono.

Anche Vincenzo Longo di IG Markets definisce quella di ieri "una correzione che non preoccupa gli investitori". E sebbene "il ritorno di molti operatori dalle ferie estive potrebbe amplificare il tono del calo nelle prossime sedute [...] ci aspettiamo che il rally estivo sia destinato a durare ancora qualche settimana". In particolare "ci aspettiamo che Draghi possa dare concretezza alle dichiarazioni annunciate ad agosto e presentare un piano concreto sul tema di acquisto bond. Sui mercati la tendenza rialzista potrebbe proseguire sino a fine agosto, mentre a settembre si tornerà a guardare ai grandi temi europei come Esm, Spagna e unione bancaria che potrebbero portare a una correzione sui listini".

Ottimismo, ma con una certa cautela, è quello che traspare dal Weekly FX Research di JW Partners, società di ricerca e selezione indipendente specializzata in currency advisory ad investitori istituzionali. "Anche se troppa euforia è difficile da sottoscrivere - scrivono gli analisti - la settimana (ancora semifestiva per gli operatori e con pochi eventi significativi in calendario) potrebbe prolungare l'attuale momento positivo. Tuttavia, gli incontri dei policymakers europei in programma nei prossimi giorni (Merkel-Samaras, Merkel-Hollande, etc.) insieme a precisazioni e smentite sul nuovo interventismo della Bce impediranno che la volatilità possa scendere ulteriormente".

I passi in avanti e le marce indietro della Bce e dei politici europei domineranno quindi lo scenario anche nelle prossime settimane. "A nostro avviso - sottolineano gli analisti di FXCM - lo stop da parte della Germania poteva essere largamente previsto in termini di aspettativa dal mercato; così non è avvenuto in quanto evidentemente non era stato incorporato dai prezzi che al contrario mostravano voglia di rialzo. Questa può comunque essere una chiave di lettura per queste fasi di mercato, che ancora ci apprestiamo a vivere, di scarsa liquidità e pronunciata reattività".

COMMENTA LA NOTIZIA