1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

La Borsa di Bombay teme il rialzo dei tassi (Fondionline.it)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’India è un caso speciale tra i mercati emergenti: non è un paese che dipende dalle sue esportazioni in virtù di una ricca domanda interna che ha rappresentato la variabile chiave per riuscire a centrare una crescita medio annua del 7% nell’ultimo quinquennio. La forte crescita del Pil indiano si sta materializzando in un environment caratterizzato da uno scarso peso delle esportazioni. Il ratio delle esportazioni rispetto al Pil ha raggiunto a malapena il 20,6% nel 2006.
Il gigante asiatico è terzo – dopo la Cina e il Vietnam- nella speciale classifica dei paesi della macro- regione con la più elevata variazione annua del Pil. I risultati conseguiti in campo economico hanno trovato una correlazione diretta con il trend del listino azionario di Bombay: l’indice Sensex si è rivalutato del 322% nel periodo 2001- 2006, con un incremento del 49% in questa prima parte del 2007.
La straordinaria ascesa sperimentata negli ultimi anni ha trasformato l’India in uno dei paesi inclusi nel ristretto gruppo degli emergenti più promettenti: i Bric, insieme a Brasile, Russia e Cina. Alla pari di altre strategie di sviluppo, anche quella basata sulla spinta dei consumi domestici ingloba una serie di rischi: la crescita è condizionata dalle scelte di politica monetaria e dalle linee guida della politica economica disegnata dal governo. (segue).