1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Bond Eurozona: effetto Draghi sui tassi, biennale tedesco ai minimi storici

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Effetto Draghi sui bond dell’Eurozona. Le parole del numero uno della Banca centrale europea, che si riunirà il prossimo 3 dicembre, stanno schiacciando sempre più in basso i rendimenti dei titoli di Stato di Eurolandia. Ieri i verbali dell’ultimo meeting della Bce e questa mattina il discorso del governatore hanno ribadito che l’Eurotower è pronta ad agire subito per sostenere la dinamica dell’inflazione. Tre sostanzialmente le nuove carte che potrebbe giocare Draghi: l’allungamento del quantitative easing, le modifiche all’attuale programma e il taglio del tasso sui depositi (attualmente negativo per lo 0,2%).
Attualmente il QE in salsa europea consiste in acquisti di titoli per 60 miliardi di euro al mese con un limite temporale fissato a settembre 2016. La Bce potrebbe sia aumentare l’ammontare mensile degli acquisti sia spostare più avanti nel tempo il termine del piano di stimoli monetari. Ma non solo: sul tavolo c’è anche l’ipotesi di acquistare altre tipologie di titoli, per esempio i bond regionali o i corporate bond
Queste attese hanno avuto riflessi evidenti sui bond governativi dell’Eurozona. Se si guardano le scadenze corte i rendimenti dei titoli di Stato viaggiano quasi tutti sottozero: emblematico è il caso della Germania, dove i bond governativi mostrano rendimenti negativi fino alle scadenza quinquennali. Questa mattina il rendimento del biennale tedesco (Schatz) ha aggiornato i minimi storici a -0,389 per cento. Negli ultimi dieci anni il tasso dello Schatz biennale ha toccato i massimi nel giugno 2008 al 4,694 per cento.

Sulla scadenza decennale si può notare che l’Oat francese rende circa lo 0,8%, sui minimi degli ultimi cinque mesi così come il Bund tedesco, il cui rendimento è inferiore allo 0,50 per cento. Sono invece poco sopra i minimi sia il Btp italiano sia il Bonos spagnolo. Discorso a parte merita la Grecia: il tasso del bond ellenico a dieci anni si attesta in area 6,75%, ai minimi dall’ottobre 2014, sostanzialmente dimezzato rispetto al 13,23% toccato lo scorso aprile nel pieno dello spettro “Grexit”.