1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Bollettino Bankitalia: se spread non cala atteso Pil a -1,5% nel 2012 -1-

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Un calo del differenziale tra il Btp e Bund permetterebbe all’economia italiana di riprendersi più rapidamente. Lo si apprende dall’ultimo bollettino economico diffuso oggi dalla Banca d’Italia. “Gli indicatori congiunturali segnalano che la lieve contrazione del Pil italiano registrata nel terzo trimestre si sarebbe accentuata nei mesi finali dell’anno appena concluso – si legge nel documento diffuso da palazzo Koch – Si valuta che la fase recessiva si protragga al 2012. Nel primo scenario il Pil si ridurrebbe dell’1,5% nella media di quest’anno, mentre l’attività economica tornerebbe a crescere a partire dal primo trimestre dell’anno prossimo anche se, per effetto della flessione stimata per quest’anno, la variazione media del Pil risulterebbe nulla nel 2013”. Rispetto allo scenario pubblicato a luglio, spiega Bankitalia, le nuove proiezioni sono state riviste al ribasso, per via del deterioramento delle condizioni di finanziamento, degli interventi di riequilibrio del bilancio pubblico e del peggioramento del quadro internazionale. “In ipotesi più favorevoli, in cui le politiche di risanamento dei conti pubblici adottate dal Governo e le risposte alla crisi concordate in sede europea ripristinassero almeno in parte la fiducia degli investitori, riducendo i costi di finanziamento per tutti gli attori economici l’economia del Belpaese potrebbe riprendersi più rapidamente”.