La BoJ taglia i tassi ma lo yen continua a rafforzarsi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Banca del Giappone ha deciso un taglio dei tassi dello 0,20% a 0,3% dallo 0,5% precedente. E’ il primo movimento al ribasso deciso dalla BoJ in oltre sette anni e mezzo. Per lungo tempo i tassi di interesse nel Paese sono rimasti fermi a 0%. Il Sol Levante è, tra le Nazioni sviluppate, quella con il tassi di interesse più bassi a livello centrale e proprio per tal motivo la BoJ è stata l’unica a non partecipare al taglio concertato effettuato dalla Fed, dalla Bce e dalla BoE due settimane fa.


La decisione non è stata presa all’unanimità. Al contrario i membri del board si sono divisi in parti uguali, quattro contro quattro e decisivo è stato il sostegno del governatore Masaaki Shirakawa.

L’intervento non è servito a evitare una chiusura in forte ribasso alla Borsa di Tokyo (-5,01%). Il panorama macroeconomico del Sol Levante appare in questo momento assai grigio. Sempre l’Istituto centrale ha rivisto al ribasso le previsioni di crescita per il 2008-09 allo 0,1% dall’1,2% precedente. Il rapporto tra  domanda e offerta di lavoro è salito dall’84% all’86% mentre la spesa delle famiglie in settembre è scesa del 2,3%. In crescita, al contrario, l’inflazione core, del +2,3% sempre nel mese di settembre.


L’inusuale taglio dei tassi dello 0,20%, invece che del quarto di punto tradizionale, mette in evidenza la situazione di difficoltà di una banca centrale che vede la leva della politica monetaria ridotta ai minimi termini e che cerca di tenere da parte ancora qualche colpo da sparare nel caso in cui la crisi economica dovesse acuirsi.


L’intevento non ha tuttavia avuto grandi effetti, né sulla Borsa che ha chiuso come detto in forte ribasso, né sull’andamento dello yen che ha continuato a guadagnare terreno sulle altre valute mettendop in difficoltà le esportazioni e riducendo il valore in yen dei profitti realizzati dalle multinazionali giapponesi all’estero.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Stati Uniti: crescita economica ai minimi da tre anni nel Q1

Nel primo trimestre la crescita statunitense si è attestata allo 0,7%, in calo rispetto al 2,1% degli ultimi tre mesi del 2016. Si tratta del dato minore degli ultimi tre anni. Gli analisti avevano stimato un +1,3%.

MACRO

Istat: industria, a marzo prezzi alla produzione a +3,1% a/a

L’Istat comunica che a marzo l’indice dei prezzi alla produzione dell’industria rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta del 3,1% nei confronti di marzo 2016. I prezzi alla produzione dell’industria, sul mercato interno, diminuiscono de…

Inflazione: Istat, ad aprile accelerazione a +1,8% annuo

Ad aprile, stando alla stima preliminare diffusa dall’Istat, l’inflazione in Italia aumenta dello 0,3% su base mensile e dell’1,8% annuo. La variazione tendenziale evidenzia un’accelerazione rispetto al +1,4% di marzo, derivante soprattutto dalla cr…