BofA: utile sopra le attese nel Q3, pesano spese legali

Inviato da Luca Fiore il Mer, 17/10/2012 - 15:32

Dopo Goldman Sachs, Citigroup e JPMorgan, anche l'utile di Bank of America batte le attese. BofA ha annunciato di aver chiuso il terzo trimestre 2012 con un risultato netto di 340 milioni di dollari, in netto calo rispetto ai 6,2 miliardi di un anno fa. Il confronto, impietoso, da un lato deve tener conto dei 2,4 miliardi spesi quest'anno per chiudere la class action nell'ambito dell'acquisizione di Merril Lynch (1,6 miliardi) e per oneri fiscali aggiuntivi nel Regno Unito (0,8 miliardi), e dall'altro delle cessioni di asset e dei benefici contabili che avevano sostenuto i conti del Q3 2011.

Indicazioni positive dall'utile per azione che, atteso in rosso di 7 centesimi, è risultato pari a zero dollari. Il giro d'affari segna un calo da 28,7 a 20,7 miliardi di dollari. Gli analisti avevano previsto un fatturato di 21,8 miliardi. Dimezzati su base annua, e sostanzialmente stabili nel confronto trimestrale, gli accantonamenti per perdite su crediti, pari a 1,77 miliardi. Il titolo BAC nei primi scambi segna un calo dello 0,4% a 9,42 dollari.

"La nostra strategia sta dando i suoi frutti anche se continuiamo a lavorare in un contesto ricco di sfide e caratterizzato da numerosi problemi legali preesistenti", ha detto il Chief Executive di BofA, Brian Moynihan. "Depositi e nuovi mutui sono in crescita -ha continuato Moynihan- abbiamo superato quota 11 milioni utenti mobili, i prestiti hanno registrato il settimo incremento trimestrale consecutivo e la clientela corporate ci ha permesso di diventare la seconda banca di investimento a livello globale".

Bene anche i numeri di BlackRock  e di NY Mellon
Nel comparto finanziario, sopra le attese anche gli utili di BlackRock  e di Bank of New York Mellon. Il primo asset manager a livello globale ha annunciato di aver chiuso il terzo trimestre con un utile per azione (eps) di 3,65 dollari che al netto delle componenti straordinarie diventano 3,47 dollari (consenso 3,28 dollari). Il risultato netto di NY Mellon è invece salito da 651 a 720 milioni, con l'eps che a 61 centesimi ha superato le attese di 7 centesimi (che diventano 3 calcolando alcuni benefici fiscali).

In arrivo la trimestrale di AmEx e di eBay
Dopo la chiusura di Wall Street appuntamento con i numeri di American Express e di eBay (eps atteso a 1,09 ed a 0,54 dollari). Domani sarà la volta di Blackstone (0,42$), Morgan Stanley (0,25$), Philip Morris (1,39$), Verizon Communications (0,65$), Advanced Micro Devices (0,01$), Google (10,53$), Microsoft (0,58$) e SanDisk (0,32$). Venerdì l'ottava si chiuderà con i conti di Baker Hughes (0,84$), General Electric (0,37$), McDonalds (1,47$) e Schlumberger (1,06$).

COMMENTA LA NOTIZIA