1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

BoE guarderà ai salari per scelte politica monetaria (analisti)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Tra gli appuntamenti di settimana prossima spicca anche quello con la riunione della Bank of England (Boe), in agenda il prossimo 7 agosto. Il consensus è per tassi invariato al minimo storico dello 0,5%. Il primo rialzo del costo del denaro dovrebbe aversi a cavallo tra l’ultimo trimestre 2014 e il primo quarter 2015.

Di seguito pubblichiamo un commento sulla politica monetaria della Boe a cura di David Basola, responsabile Italia di Mirabaud AM.

“Nonostante il consenso unanime a mantenere i tassi di interesse di riferimento ai minimi storici, l’esistenza di visioni contrapposte sulla ragione della debole crescita dei salari da parte dei membri della Bank of England potrebbe portare a conclusioni divergenti in termini di politica monetaria. Infatti, da una parte alcuni membri ritengono che l’offerta di lavoro sia cresciuta tanto da far persistere un certo grado di debolezza dei salari.
Per altri membri, invece, la crescita dei salari è solo in ritardo, più di quanto precedentemente atteso, e si riprenderà nei prossimi mesi, come si può osservare analizzando l’indagine REC sulla crescita delle paghe dei nuovi assunti.
Tuttavia, notiamo che i dati sui guadagni settimanali di maggio, non conosciuti al tempo della riunione della Bank of England di luglio, hanno proseguito su una traiettoria discendente. I dati sull’inflazione di agosto saranno di particolare interesse, perché il Comitato prenderà in considerazione nel dettaglio le due diverse spiegazioni offerte dai membri circa la debolezza della crescita dei salari e potrebbe trovare un punto d’incontro. Per quanto riguarda la domanda interna, le vendite al dettaglio hanno mostrato nel secondo trimestre la maggior crescita dal 2004. Inoltre, i consumi privati sono ben posizioni per crescere e riflettono la maggior fiducia delle famiglie. Tuttavia, affinché questa crescita sia sostenuta, sono necessari salari più elevati. La crescita nel secondo trimestre è stata solida e il settore delle costruzioni ha mostrato ulteriori segnali di stabilizzazione”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUMENTO DI CAPITALE

Carraro: offerta in opzione, sottoscritto il 99,684%

A conclusione dell’offerta in opzione nell’ambito dell’aumento di capitale, Carraro ha annunciato che sono stati esercitati 43.225.974 diritti per la sottoscrizione di 33.620.202 azioni, pari al 99,684% del totale.

Il controvalore complessivo è d…

BANCHE ITALIA

Veneto Banca: Cda chiede intervento Atlante per ricapitalizzazione

Oggi il Cda di Veneto Banca “ha riaffermato – si legge in una nota diffusa dall’istituto – la propria piena fiducia nella prospettiva dell’aggregazione con Banca Popolare di Vicenza come condizione per il rilancio delle due banche, importante per lo …

MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

MACRO

Stati Uniti: fiducia dei consumatori a 97,1 punti a maggio

Nel mese di maggio l’indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan si è attestato a 97,1 punti, dai 97 di aprile. Nella stima flash il dato era risultato pari a 97,7 punti.