1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Bnl: il Bilbao torna a bussare alla porta della Consob

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nuova offensiva legale del Banco di Bilbao, che ieri ha presentato un esposto alla Consob per bloccare l’offerta annunciata da Unipol su Bnl. Gli spagnoli chiamano la Commissione a pronunciarsi sul corretto operato degli scalatori italiani, che a loro dire avrebbero usato strumentalmente la legge Draghi, aggirando l’Opa concorrente e preferendole un’offerta “premeditatamente obbligatoria” meno costosa e che scarica sul mercato i rischi del processo autorizzativo in corso. Con un’Opa concorrente infatti il costo unitario sarebbe 2,9 euro non i 2,7 euro promessi da Unipol. C’è poi il problema dei tempi: dall’autodenuncia del 18 luglio c’è un mese per lanciare l’Opa obbligatoria, ma gli spagnoli invocano l’accertamento dell’azione di concerto, con cui il superamento della soglia del 30% andrebbe retrodatato almeno a maggio, epoca dell’assemblea Bnl. Col risultato che i tempi dell’offerta riparatoria sarebbero scaduti e in tal caso la legge lascia 12 mesi al sodalizio per vendere l’eccedenza del 30% di Bnl. Un’ultima recriminazione del Bbva: il piano anti-Ops palesato a tre giorni dal suo termine ha interferito in modo sleale con l’annuncio di una controfferta solo teorica perché mancante dei nulla osta di vigilanza e carente nell’informativa al mercato. Col rischio paventato martedì dai vertici baschi che l’Opa su Bnl possa non perfezionarsi e danneggiare tutti i soci.