1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Bnl, per Actinvest e’ da tenere in portafoglio

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Da Londra occhi puntati su Bnl. L’affaire patto di sindacato fa girare la testa agli analisti di Actinvest. La liason è nota: si stanno affilando le spade per il controllo dell’istituto di via Veneto. Il contropatto di sindacato guidato da Francesco Gaetano Caltagirone e altri sei imprenditori, Danilo Coppola, Giuseppe Statuto, i fratelli Lonati, Vito Bonsignore e Giulio Grazioli ha aumentato la propria quota dal 13,5% al 16,5% di Bnl, grazie al conferimento di un ulteriore 3% dei diritti di voto da parte di Lonati e Grazioli. L’obiettivo è quello di raggiungere la quota del 19,5% entro ottobre, in modo da accrescere il potere di contrattazione nei confronti dell’altro patto di sindacato che comprende Generali, Bbva e Diego Della Valle con il 28,4% del capitale. Il fine di tale contropatto è quello di acquisire posizioni di rilievo nel Cda che verrà rinnovato nell’aprile del 2005. “Tali lotte interne per il controllo della società rappresentano uno dei principali fattori d’interesse per il titolo, in mancanza di ragioni legate ai fondamentali della società”, sostengono dalla sim londinese. “Un ruolo cruciale negli equilibri di potere all’interno di Bnl lo avranno il Monte dei Paschi e la Popolare di Vicenza, che detengono complessivamente l’8% del capitale e che finora si sono tenute fuori dai due schieramenti. La presenza di Francesco Gaetano Caltagirone nel capitale di Mps ci porta a ritenere che nel momento decisivo i due schieramenti avranno di fatto lo stesso peso sul capitale, e che i membri del contropatto, ora esclusi, avranno un ruolo di primo piano nel Cda del gruppo”, spiegano gli analisti di Actinvest. Dunque? “Almeno fino al rinnovo del Cda, riteniamo che il titolo Bnl potrebbe essere sostenuto da queste manovre. Per tali ragioni, consigliamo di mantenere le posizioni sul titolo”, concludono gli esperti, confermando la raccomandazione hold(tenere il titolo in portafoglio) con un target price di 1,8 euro.