1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Bernanke spinge Wall Street ai nuovi massimi dal 2008, Tokyo torna ai livelli dell’11 marzo 2011

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
La porta aperta a un nuovo piano di allentamento quantitativo della Fed ha spinto ieri Wall Street ai nuovi massimi e oggi Tokyo ha messo a segno un sprint di oltre il 2% andando sui massimi a oltre un anno. L’indice Nikkei ha toccato i massimi dall’11 marzo dello scorso anno, quando il Paese fu colpito dal devastante terremoto-tsunami.
Ieri lo S&P 500 ha archiviato la seduta inaugurale dell’ottava a a 1.416,51 punti (+1,39%), nuovi massimi dal maggio 2008. Ben impostate in avvio oggi anche le Borse europee con Piazza Affari in ascesa dello 0,36% a 16.679 punti dopo la prima mezz’ora di contrattazioni, +0,47% per il Dax tedesco e +0,27% per il Cac 40 parigino.

Bernanke non esclude nuovo QE

Nel corso di un intervento alla National Association for Business Economics, il presidente della Federal Reserve Ben Bernanke ha rimarcato che la banca centrale statunitense continuerà a sostenere la ripresa dell’economia Usa con un occhio di riguardo al mercato del lavoro.  Bernanke ha detto di non esser certo della “sostenibilità dei miglioramenti registrati recentemente dal mercato del lavoro” perché frutto più che altro di “un calo dei licenziamenti”. Secondo Bernanke per far sì che il mercato del lavoro registri progressi significativi è necessaria “una più rapida espansione della produzione e della domanda da parte di consumatori e imprese, processo che può essere sostenuto proseguendo con politiche accomodanti”. E le dichiarazioni del chairman della Fed fanno il paio con quanto scritto sul suo profilo Twitter da Bill Gross, gestore di Pimco (Pacific Investment Management Co.), il più grande fondo obbligazionario del mondo. Secondo Gross, anche soprannominato The King of Bond, la Fed nella prossima riunione del 25 aprile inizierà a discutere di un nuovo piano, il terzo, di allentamento quantitativo (QE3, Quantitative Easing 3).
Italia: oggi in asta Btpi e Ctz per massimi 4 mld
Il Ministero dell’Economia oggi ha in agenda l’asta di Certificati di credito del Tesoro “zero coupon” (CTZ) con scadenza gennaio 2014 per 2-3 miliardi di euro. Saranno inoltre messi sul mercato Buoni del Tesoro Poliennali indicizzati all’inflazione dell’Area Euro (BTP€i) con scadenza 2019 e 2021 da un minimo di 500 milioni di euro a un massimo di 1.000 milioni di euro. Domani invece in agenda l’importante asta di Bot semestrali per 8,5 mld.