1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Beppe Grillo presenta il referendum anti-euro al Parlamento europeo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Beppe Grillo, il leader del Movimento 5 Stelle, ha scelto il Parlamento europeo per presentare l’iniziativa per la raccolta firme in Italia per il referendum sulla permanenza nell’euro. “Siamo stanchi dei sacrifici, vogliamo riprenderci la sovranità della nostra moneta, salvare le nostre aziende; è caduto il Muro, non quello delle carte di credito”, ha detto il leader del M5S.  “Indiremo un referendum consultivo, come già fatto nel 1989. Abbiamo già un precedente. E lo faremo, questa è la nostra meta adesso”, ha aggiunto Grillo. 

Presentando la sua campagna referendaria contro la moneta unica Grillo spara a zero sopratutto sulla Germania. “La Germania impone delle idee, impone della allucinazioni economiche, ci impone delle cose che sono il contrario della democrazia. Ora anche la sua economia sta stagnando, mentre noi siamo in recessione”. “Noi non siamo in guerra con l’Isis o con la Russia, ma con la Bce”, ha dichiarato l’ex comico ligure nel corso del suo intervento nell’aula gremita di giornalisti ed eurodeputati. 

Il Movimento 5 Stelle va avanti con il referendum sull’euro. Sul blog di Beppe Grillo si legge: “Il M5S raccoglierà le firme per una legge di iniziativa popolare e poi, grazie alla nostra presenza parlamentare, lancerà un referendum consultivo come è avvenuto per l’ingresso nell’euro nel 1989. Si può fare. Senza l’Italia nell’euro, finirà questo esproprio delle sovranità nazionali in tutta Europa. La sovranità appartiene al popolo non alla Bce e neppure alla Troika o alla Bundesbank”. E ancora: “I bilanci nazionali e la moneta devono tornare sotto il controllo degli Stati, non delle banche d’affari. Noi non lasceremo strozzare la nostra economia e far diventare schiavi i lavoratori italiani per pagare interessi da strozzini alle banche europee”.