1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Bene Citigroup e DuPont a Wall Street

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ancora una seduta positiva per la Borsa americana. In attesa della decisione di oggi della Federal Reserve (Fed) sui tassi interesse, a New York, i listini a stelle e strisce hanno continuato la loro marcia con il Dow Jones che è avanzato dello 0,17% a 12328,48 punti e con lo S&P500 e il Nasdaq che hanno guadagnato lo 0,22% rispettivamente a 1413,04 e 2442,86 punti. Oltreoceano, sono i dati sulle scorte industriali Usa a catturare l’attenzione del mercato: in ottobre, hanno messo a segno un +0,8% contro lo 0,6% che si attendevano gli analisti. Inoltre, a Wall Street i petroliferi sono stati favoriti dal rating di Merrill Lynch che ha ridotto le stime sul prezzo del greggio per il 2007 in conseguenza di una crescita economica prevista in rallentamento e di un atteso aumento dell’offerta. Il prezzo di riferimento per il prossimo anno è di 60 dollari, sotto i 65 dollari precedentemente stimati. Sul fronte societario, si sono messe in luce Citigroup e DuPont: entrambe hanno guadagnato circa 1,4%. Giornata positiva anche per DirecTV Group in crescita di circa il 4% dopo che gli analisti di Deutsche Bank hanno alzato la loro raccomandazione a buy.

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUTOMOTIVE

FCA: Dipartimento di Giustizia ha depositato una causa civile

Confermate le indiscrezioni, il Dipartimento di giustizia statunitense, per conto dell’Agenzia per la Protezione Ambientale (EPA), ha depositato una causa civile in cui accusa Fiat Chrysler di aver utilizzato un software per bypassare i controlli sul…

MACRO

Germania: bid-to-cover stabile nell’asta di Schatz a due anni

L’agenzia tedesca per la gestione del debito ha collocato 3,965 miliardi di Schatz a due anni. Il rendimento medio si è attestato al -0,65 per cento, dal -0,69 dell’asta di fine aprile, mentre il tasso di copertura si è confermato a 1,2 volte.

Grecia: Borsa Atene debole dopo mancato accordo su debito

Borsa di Atene debole dopo il mancato accordo tra i creditori internazionali sulla riduzione del debito greco, con la decisione di posticipare la decisione alla riunione di metà giugno. Sulla piazza finanziaria ellenica prevalgono le vendite: l’indic…