1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Bene Autogrill, Unipol affossata dalle vendite

QUOTAZIONI Unipol
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

A guidare i rialzi dell’S&P/Mib sono stati i due titoli della galassia che ruota intorno all’imprenditore Marco Tronchetti Provera, Telecom Italia e Pirelli & C. Bene anche Autogrill, che ha tratto spunto della notizia del contratto siglato negli Stati Uniti per la gestione delle attività di ristorazione e retail di 12 punti vendita sulla New York Thruway, il più imponente sistema viario a pagamento degli Stati Uniti. In evidenza per il rialzo poi Finmeccanica. In proposito, gli analisti di Ubs hanno ritoccato verso l’alto la raccomandazione da “reduce” a “neutral” e contemporaneamente hanno portato il prezzo obiettivo da 14,2 euro a 16,80 euro. Denaro anche su Enel, Luxottica Group e Autostrade, mentre la decisione del governo francese sulle gare per la privatizzazione di tre rete autostradali dovrebbe arrivare tra pochi giorni. Unicredito Italiano è stata invece la pecroa nera dell’S&P, chiudendo con una netta flessione. Decisamente azzoppata dalla lettera, infine, Unipol. A pesare come un macigno le indiscrezioni di stampa secondo cui la Procura di Roma avrebbe iscritto nel registro degli indagati i vertici della compagnia assicurativa nell’ambito dell’inchesta sull’operazione Bnl con l’accusa di aggiotaggio e ostacolo alle attività di vigilanza della Consob. Secondo il quotidiano sarebbe coinvolto anche l’amministratore delegato, Giovanni Consorte. Ma non finisce qui. Giungono indiscrezioni di stampa che chiamano in causa anche la Procura di Milano, la quale avrebbe chiesto il rinvio a giudizio per aggiotaggio su azioni Unipol privilegio di quattro persone, tra cui due dirigenti del gruppo assicurativo, Stefano Dall’Aglio e Carlo Cimbri.