1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Bellovoda: “Euro/dollaro, 1,17/18 area importante per ripartire”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Movimenti limitati sul mercato del cambio con l’euro che perde leggermente terreno contro il dollaro, muovendosi intorno a quota 1,1885. Il recupero della valuta europea dai minimi di metà dicembre si è interrotto a fine gennaio in area 1,2320 e ciò ha almeno rimandato l’ipotesi di ulteriore rafforzamento della valuta unica. “Ipotesi che rimane ancora valida nell’arco dei prossimi 3 o 4 mesi” ribadisce Doriana Bellovoda, analista tecnico per TraderMade. “Siamo ancora favorevoli all’euro anche se il mancato superamento di quota 1,22 ha introdotto un quadro tecnico che si mantiene neutral-negativo. I supporti di area 1,17/18, però, stanno dimostrando un’ottima tenuta e sostenendo lafase di congestione degli ultimi mesi. Potrebbero quindi essere il sostegno adatto da dove impostare nuovi rimbalzi e ripartenze che sono prevedibili anche alla luce dei fondamentali economici”. Con riferimento al più breve termine Doriana Bellovoda vede spazio per ulteriori spunti ribassisti sotto 1,1885 verso “1,18 e 1,1750 ma una ripresa potrebbe essere imminente. Un primo segnale tecnico positivo si avrebbe già sopra 1,20, che aprirebbe spazi di recupero verso 1,21/22. Solo una violazione di tale resistenza, con almeno una chiusura settimanale sopra 1,22 darebbe però un’indicazione di ripresa verso 1,23 in prima battuta”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
Articolo IV sull'Eurozona

Fmi, monito all’Italia: “Introduca salario minimo”

L’Italia deve introdurre un salario minimo nelle regioni, potenzialmente differenziato. A scriverlo il Fondo monetario Internazionale del rapporto Articolo IV sull’Eurozona in cui fornisce una serie di raccomandazioni al nostro …

Osservatorio sul precariato dell'Inps

Inps: crescono assunzioni nei primi cinque mesi, +9,8%

Crescono le assunzioni nel periodo gennaio-maggio 2018 secondo i dati contenuti nell’Osservatorio sul precariato dell’Inps, riferiti ai soli datori di lavoro privati. Il dato segna un +9,8% rispetto ad un …