Beige Book: economica cresce a un ritmo "moderato", migliora mercato immobiliare e delle auto

Inviato da Daniela La Cava il Gio, 18/04/2013 - 09:29

L'economia statunitense sta crescendo a un ritmo "moderato", sostenuto soprattutto dal miglioramento del comparto immobiliare e dal buon andamento del mercato automobilistico. Questi i trend che emergono dalBeige Book, il rapporto sullo stato di salute della prima economia mondiale preparato dalla Federal Reserve.

 

Dal resoconto pubblicato dalla Fed emerge "un aumento dell'attività manifatturiera rispetto alla relazione precedente" ma sono i settori legati alla edilizia residenziale e alle automobili quelli che hanno mostrato un costante miglioramento. In particolare la banca centrale statunitense ha rilevato che la resa del comparto delle costruzioni e dell'automotive sta compensando l'effetto ribassista innescato dai tagli al bilancio federale e dalla fine delle agevolazioni fiscali. Per il settore immobiliare, da tempo in ripresa, la Fed ha rilevato che i prezzi delle abitazioni sono in crescita in molti distretti così come la domanda dei prestiti.

 Il resoconto della Fed, che prende in considerazione il periodo febbraio-aprile, punta i riflettori sulla incertezza o debolezza nel comparto della difesa, scatenata soprattutto dai tagli automatici della spesa scattati lo scorso primo marzo in scia al cosiddetto sequester.

Sul fronte consumi il Beige Book mette in evidenza "una crescita modesta", frenato soprattutto dall'aumento del prezzo dei carburanti, dall'aumento della tassazione sui salari e legato al clima invernale come fattore che ha limitato la crescita delle vendite.

E il mercato occupazionale? "Le condizioni del mercato del lavoro sono rimaste invariate o leggermente migliorate - sottolinea la Fed - e le relazioni di assunzione sono state più diffuse nel settore manifatturiero, edilizia residenziale, la tecnologia dell'informazione, e dei servizi professionali". Le pressioni sui salari sono contenute.

Ieri sera "il Beige Book ha dipinto un quadro dell'economia statunitense migliore e più stabile rispetto a quanto si sarebbe potuto concludere guardando ai dati recenti, suggerendo che la tendenza sottostante è favorevole e che le incertezze emerse dalle ultime indagini sono perlopiù l'effetto di fattori transitori". Questo il commento degli analisti dell'ufficio studi di Intesa Sanpaolo all'indomani della diffusione del rapporto sullo stato di salute dell'economia a stelle e strisce.

COMMENTA LA NOTIZIA