Beauchamp: diminuisce la possibilità che l'argento sovraperformi l'oro nel breve

Inviato da Luca Fiore il Gio, 11/11/2010 - 20:14
Nonostante i recenti rialzi del dollaro e le tensioni legate ad una politica restrittiva in Cina, le quotazioni del greggio questa settimana hanno sostanzialmente tenuto. Anthony Grech nel Commodities Focus di IG Markets rileva che i futures di dicembre hanno raggiunto il massimo di due anni a 88,55 dollari al barile giovedì mattina, dopo l'annuncio del calo delle scorte di petrolio greggio a 364,9 milioni la settimana scorsa (-3,27 milioni).

Il greggio ha inoltre beneficiato di una nota rialzista da Goldman Sachs, che ha detto che la crescita economica globale farà aumentare il consumo di petrolio e contribuirà a ridurre l'eccesso di offerta di combustibile nei paesi sviluppati.

Andamento invece altalenante per l'argento, che oggi si è ripreso tornando a 27,4 dollari per oncia. Per Christopher Beauchamp di IG Markets il calo dei prezzi dell'argento di martedì è arrivato dopo l'incremento del 30% dei requisiti di margine per i contratti futures sull'argento.

Durante la settimana, il rapporto tra oro e argento (once d'argento per acquistare un'oncia d'oro) è sceso sotto 50 per la prima volta in 32 mesi ed ha raggiunto quota 48,4. Per Beauchamp il rapporto "inizierà a muoversi verso l'alto, riducendo le possibilità dell'argento di sovraperformare l'oro nel breve termine".

E concludiamo con il cotone, che questa mattina (consegna dicembre) è stato scambiato a 1,4735 dollari per libbra, con un guadagno settimanale del 4,9%. I prezzi hanno raggiunto il massimo di tutti i tempi a 1,5723 $ per libbra mercoledì dopo che il Dipartimento dell'Agricoltura statunitense (USDA) ha rivisto le proprie stime di approvvigionamento per la Cina.

La produzione in Cina è stata rivista al ribasso a 1,5 milioni di balle per il prossimo anno mentre le importazioni dovrebbero aumentare di 2 milioni di balle. Sempre da IG Markets David Choe rileva che la carenza ha preso di sorpresa i mercati portando alcuni acquirenti a pagare 2 dollari per libbra per garantirsi il cotone.
COMMENTA LA NOTIZIA