Bce: "Pronti ad alzare ancora i tassi"

Inviato da Redazione il Ven, 09/12/2005 - 08:58
L'aumento dei tassi dell'euro non è bastato: il forte allarme della Banca centrale europea per l'alto debito, per i progressi assolutamente insufficienti dei paesi più indebitati sul fronte del consolidamento del debito pubblico e per il permanere di alti fattori di rischio come l'inflazione, resta valido e vivo. Ecco il monito lanciato dal bollettino mensile della Bce, pubblicato ieri a Francoforte. L'istituto, ha avvertito Otmar Issing, membro tedesco del Consiglio direttivo, resta dunque pronto a intervenire di nuovo sul costo del denaro se sarà necessario, anche se al momento non sono in programma rialzi a tappe dei saggi centrali. Parole cui ha risposto Silvio Berlusconi: "il caro prezzi che ci attribuiscono non è colpa nostra. E' colpa della lira che è stata svenduta al momento del cambio". Il rapporto è il primo dopo l'aumento dei tassi, ritoccati giovedì scorso di un quarto di punto dal 2 al 2,25%.
COMMENTA LA NOTIZIA