Bce, l'LTRO non basta alla crescita, serve tenere bassi inflazione e tassi (BofA Merrill Lynch)

Inviato da Floriana Liuni il Ven, 30/03/2012 - 16:04
Le riforme fiscali e gli aggiustamenti economici non bastano: serve la crescita di breve-medio termine. Lo sostengono gli analisti di BofA Merrill Lynch, sottolineando che sono i rischi di crescita dei Paesi periferici che minacciano la stabilità economica dell'Europa. banca Centrale Europea e Ue, secondo l'istituto di credito americano, dovrebbero fare di più per sostenere anche questo aspetto. L'LTRO della Bce è servito a prendere tempo, dicono gli analisti, ma la banca guidata da Draghi potrebbe abbassare ulteriormente i tassi di interesse a breve termine e influenzare quelli a lungo, impegnandosi a mantenerli bassi anche in presenza di inflazione vicina al target del 2%. "Ciò potrerebbe ad una maggiore disperione dell'inflazione tra i Paesi, in particolare ad una maggiore inflazione nelle nazioni in crescita. Inoltre l'euro si indebolirebbe. Comunque", aggiungono gli analisti, "non ci attendiamo una mossa del genere dalla Bce prima dell'estate". La Bce non farà mosse accomodanti se non dopo che le riforme nazionali saranno ben avviate, il che non potrà avvenire prima del 2013. Probabile, per gli analisti BofA Merrill Linch, una lieve recessione, così come una mossa sui tassi di interesse a fine 2012 o inizio 2013.
COMMENTA LA NOTIZIA